Incredibile scoperta sul buco nero più vicino alla Terra

PutSolarOn

Gli scienziati dell’European Southern Observatory (ESO) hanno rivelato nel 2020 la scoperta di un buco nero nel sistema HR 6819, che sarebbe diventato il più vicino al nostro pianeta. Ora, quel rapporto è stato contestato da diversi istituti di ricerca.

Quello che in precedenza era ritenuto il buco nero più vicino alla Terra , a solo mille anni luce di distanza , si è rivelato non esserlo, secondo un nuovo studio pubblicato oggi.

In un articolo pubblicato oggi sulla rivista Astronomy & Astrophysics, i team dell’ESO e dell’università belga si uniscono per riferire che, in effetti, non esiste un buco nero in HR 6819, ma piuttosto un sistema a due stelle “vampiro in un stadio raro e di breve durata della sua evoluzione.

Lo studio originale su HR 6819 ha ricevuto molta attenzione sia dalla stampa che dalla comunità scientifica. Thomas Rivinius, un astronomo dell’ESO con sede in Cile e autore principale di quel documento, non è stato sorpreso dall’accoglienza da parte della comunità astronomica della sua scoperta del buco nero.

Rivinius e i suoi colleghi erano convinti che la migliore spiegazione per i dati in loro possesso fosse che HR 6819 fosse un sistema triplo, con una stella in orbita attorno a un buco nero ogni 40 giorni e una seconda stella in un’orbita molto più ampia.

Ma uno studio condotto da Julia Bodensteiner, allora dottoranda presso l’Università Cattolica di Leuven, ha proposto una spiegazione diversa per gli stessi dati: HR 6819 potrebbe anche essere un sistema con solo due stelle in un’orbita di 40 giorni e nessun nero buchi in esso assoluto.

Incredibile scoperta sul buco nero piu vicino alla Terra

Questo scenario alternativo richiederebbe che una delle stelle venisse “spogliata” di gran parte della sua massa, il che significa che, in precedenza, questa massa era stata “rubata” da un’altra stella.

Avevamo raggiunto il limite dei dati esistenti , quindi abbiamo dovuto ricorrere a una diversa strategia di osservazione per decidere tra i due scenari proposti dai due team“, afferma Abigail Frost, ricercatrice dell’Università Cattolica di Leuven, che ha guidato il nuovo studio pubblicato oggi .

Per risolvere il mistero, i due team hanno lavorato insieme per ottenere dati nuovi e più nitidi su HR 6819, unendo le proprie risorse e conoscenze per far luce sulla vera natura di questo sistema.

Le impostazioni che stavamo cercando erano abbastanza chiare, molto diverse e facilmente distinguibili con lo strumento giusto“, afferma Rivinius.

Le nuove scoperte di questo team congiunto hanno portato alla conclusione che HR 6819 è un sistema binario senza un buco nero.

La nostra migliore interpretazione finora è che abbiamo rilevato questo sistema binario poco dopo che una delle stelle aveva risucchiato l’atmosfera dalla sua stella compagna. Questo è un fenomeno comune nei sistemi binari vicini, a volte indicato dalla stampa come vampirismo stellare“, spiega Bodensteiner, ora membro dell’ESO in Germania e autore del nuovo studio.

fonte@Efe, National Geographic, Astronomia e Astrofisica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Il primo batterio enorme da 2cm visibile ad occhio nudo

Lo strano organismo è stato definito un “anello mancante” tra le cellule procariotiche ed eucariotiche. Un batterio scoperto di recente nelle mangrovie dei Caraibi è di dimensioni enormi, tanto da poter essere visto ad occhio nudo. Infatti, può raggiungere i 2 cm di lunghezza. Cioè, circa 5.000 volte più grande […]
Il primo batterio enorme da 2cm visibile ad occhio nudo