Zhurong, il rover cinese muove i primi passi su Marte

PutSolarOn

Dopo essere atterrato con successo su Marte lo scorso fine settimana, il rover cinese Zhurong ha mosso oggi i suoi primi “passi” sulla superficie del pianeta rosso. Negli ultimi giorni, il dispositivo ha eseguito una serie di programmi di controllo. Il veicolo, controllato a distanza, si è fermato dalla piattaforma di atterraggio sul suolo marziano poco dopo le 4:30 del mattino.

Con questo risultato, la Cina è il primo paese a schierare con successo un veicolo terrestre al primo tentativo dopo un atterraggio riuscito su Marte. Fino ad ora, solo gli Stati Uniti e la Russia ci sono riusciti. Nel 2023, l’agenzia spaziale europea ESA spera di unirsi all’illustre compagnia Marslanders con la missione ExoMars.

Zhurong il rover cinese muove i primi passi su Marte

La Cina ci aveva provato nel 2011

Nel 2011 anche la Cina ha tentato di intraprendere un viaggio su Marte in collaborazione con i russi. Quel tentativo è stato stroncato sul nascere quando la navicella è rimasta bloccata in orbita. La traversata verso Marte non è mai stata effettuata. La sonda alla fine è bruciata nell’atmosfera terrestre. Dopo il tentativo grossolanamente fallito, Pechino ha deciso una nuova possibilità con il Tianwen-1.

Il rover Zhurong dovrebbe passeggiare sul suolo marziano per circa 90 giorni. Resta da vedere se i cinesi trovino effettivamente prove di vita sul pianeta rosso. Con il viaggio, l’atterraggio e la ricerca su Marte, la Cina vuole principalmente mostrare al mondo le sue più grandi ambizioni spaziali. Nei prossimi anni, il Paese vuole lanciare una missione con equipaggio sulla luna e anche la sua stazione spaziale – chiamata Tiangong, che significa “Palazzo del Cielo” – deve diventare una realtà.

Oltre a Zhurong, stanno attualmente facendo ricerche su Marte anche gli esploratori Perseverance e Curiosity dell’agenzia spaziale americana NASA, che opera da anni. Il mese scorso, gli americani hanno effettuato voli di prova con un elicottero da 1,8 chilogrammi ascoltando il nome Ingenuity. Dopo alcune incursioni di successo, il Perseverance non ha inviato solo immagini dall’elicottero di Marte sulla Terra, ma anche suoni.

Mentre Ingenuity esaminerà il terreno intorno a Perseverance nel prossimo mese, lo scout della NASA, come la sua controparte cinese, cercherà tracce della vita marziana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Quante scoperte spaziali, ecco gli ultimi studi

Un recente studio condotto dai ricercatori dell’unità di ricerca STAR dell’Università di Liegi ha rivelato la sorprendente composizione chimica, ovvero tracce di atomi liberi di ferro e nichel, dell’atmosfera delle comete, e ciò anche a grande distanza dal Sole. Una scoperta che potrebbe fornire risposte sulla formazione delle comete e […]
Quante scoperte spaziali ecco gli ultimi studi