Quante scoperte spaziali, ecco gli ultimi studi

PutSolarOn

Un recente studio condotto dai ricercatori dell’unità di ricerca STAR dell’Università di Liegi ha rivelato la sorprendente composizione chimica, ovvero tracce di atomi liberi di ferro e nichel, dell’atmosfera delle comete, e ciò anche a grande distanza dal Sole. Una scoperta che potrebbe fornire risposte sulla formazione delle comete e sulla nascita del nostro sistema solare.

Questa è la prima volta che i metalli pesanti, solitamente associati ad ambienti caldi, vengono scoperti nell’atmosfera fredda di comete lontane. “È stata una sorpresa rilevare atomi di ferro e nichel in tutte le comete che abbiamo osservato negli ultimi due decenni, vale a dire una ventina di esse, e anche in quelle lontane dal Sole, nell’ambiente. Spazio freddo“, spiega Jean Manfroid, astrofisico e primo autore dello studio.

Quante scoperte spaziali ecco gli ultimi studi
Foto@Wikimedia

Le comete si sono formate circa 4,6 miliardi di anni fa e da allora non hanno subito praticamente alcuna trasformazione. In questo senso, sono come fossili per gli astronomi e forniscono informazioni sulle prime fasi del sistema solare. Prima della formazione dei pianeti” , racconta Emmanuel Jehin , Ricercatore FNRS nell’unità di ricerca STAR e coautore dello studio.

Questa non è l’unica scoperta spaziale recentemente fatta da ricercatori di Liegi.

Infatti, un team del Centro spaziale di Liegi (CSL) ha appena sviluppato un nuovo metodo che consente di identificare le origini della luce diffusa sui telescopi spaziali. Luce diffusa che limita le prestazioni dei dispositivi e impedisce di ottenere un’immagine nitida.

I ricercatori del CSL, in collaborazione con l’Università di Strasburgo, sono riusciti a risolvere questo problema grazie all’utilizzo di un laser pulsato a femtosecondi che emette fasci di luce per illuminare il telescopio. “Utilizzando un rilevatore ultraveloce, misuriamo l’immagine e i diversi effetti di luce parassita in momenti diversi. Possiamo quindi identificare ciascuno dei contributori di luce parassita utilizzando il loro tempo di arrivo e quindi conoscere il tempo.” Origine del problema“. spiega Lionel Clermont, esperto di sistemi ottici spaziali e luce diffusa presso CSL.

fonte@DHnet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Materia oscura: Gli scienziati hanno creato la mappa completa

Secondo quanto riportato dalla rivista New Scientist, Dark Energy Survey, che conduce ricerche astronomiche, ha analizzato le immagini di 100 milioni di galassie utilizzando tecnologie di intelligenza artificiale. I ricercatori hanno prodotto la mappa più dettagliata e più grande che mostra la distribuzione della materia oscura nell’universo con i dati […]
Materia oscura scienziati hanno creato la mappa completa