Materia oscura: Potrebbe essere in un’altra dimensione

PutSolarOn

Uno studio condotto da ricercatori dell’Università della California a Riverside suggerisce che la materia oscura – un tipo di materia non riconosciuto che si ritiene costituisca quasi l’85% della massa dell’Universo – potrebbe essere trovata in un’altra dimensione dell’universo, lo spazio-tempo. Una quarta dimensione “che solo le forze oscure conoscono“, secondo i ricercatori.

Materia oscura Potrebbe essere in altra dimensione
foto@Flickr

La materia oscura è uno dei più grandi enigmi scientifici di oggi. Non emette luce visibile o nessun altro tipo di radiazione elettromagnetica, quindi è particolarmente difficile rilevarne e studiarne le proprietà. “È uno degli elementi estranei più fastidiosi della natura. Sappiamo che esiste, ma non sappiamo come trovarlo, o perché non sembrava dove ci aspettavamo” riassume in un comunicato stampa Philippe Tanedo, autore principale dello studio.

Durante diversi decenni di ricerca, fisici e astronomi di tutto il mondo hanno cercato di saperne di più su questa misteriosa materia, che permetterebbe di spiegare alcune osservazioni cosmologiche che non coincidono con le teorie convenzionali. Nonostante la tecnologia avanzata, nessuna squadra è stata in grado di stabilire prove concrete della sua esistenza. Per questo alcuni fisici-teorici si sono impegnati ad affrontare l’argomento da un’altra angolazione, ripensando alla natura stessa della materia oscura.

Tanedo ei suoi colleghi avanzano così l’ipotesi secondo cui il nostro universo, descritto secondo tre dimensioni dello spazio, conterrebbe in realtà una dimensione aggiuntiva, in cui risiederebbe la materia oscura. È per loro l’unica teoria che potrebbe spiegare perché, nonostante molti sforzi, è rimasta inosservabile. Più precisamente, credono che alcune particelle di materia oscura interagiscano in modo tale che alcune non si comportino più come particelle.

Queste interazioni sarebbero governate da “forze oscure“, appartenenti a una dimensione aggiuntiva. Quindi, secondo Tanedo, queste forze oscure “potrebbero riscrivere completamente le regole su come cercare la materia oscura“. Il fisico spiega che queste forze sono descritte matematicamente da una teoria che coinvolge dimensioni aggiuntive.

La maggior parte del lavoro sulle forze oscure che governano la materia oscura si basa su teorie che spiegano il comportamento delle particelle visibili. Ma secondo Tanedo, queste forze sono molto diverse dalle forze che descrivono la materia ordinaria: non sono descritte da un singolo tipo di particella avente massa fissa, ma da un numero infinito di particelle diverse con massa diversa, che sono chiamate continuum.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Ancora un asteroide di passaggio accanto alla Terra

Domenica 13 giugno 2021, la Terra ha assistito al passaggio di un piccolo asteroide appena scoperto chiamato 2021 LO2 con un diametro di nove metri a una distanza di 0,58 distanze lunari o 221.404 chilometri, e si sta muovendo a una velocità di 8,7 chilometri al secondo alle 16:16 GMT, […]
Ancora un asteroide di passaggio accanto alla Terra