Le rocce in bilico possono essere di aiuto per futuri terremoti
Le rocce in bilico possono essere di aiuto per futuri terremoti

Nei pressi della centrale nucleare di Diablo Canyon nel sud della California si trova una roccia in equilibrio precario che Anna Rood, studente presso l’Imperial College di Londra, ha soprannominato Damaris, in onore della sua migliore amica.

Se si pensa che Damaris è rimasta in piedi per 21.000 anni, ed Il fatto che sia ancora in piedi significa che un terremoto abbastanza forte da spostarla non è avvenuto per tutto il tempo in cui è stato così pericolosamente in bilico.

Ora, analizzando le età delle rocce instabili come Damaris e calcolando quanto grande sarebbe un terremoto che avrebbe potuto rovesciarle, Rood e i suoi colleghi hanno costruito un quadro più preciso del comportamento passato del terremoto nella regione e quindi cosa potrebbe accadere in futuro . Ed è in contrasto con le previsioni ufficiali relativamente pessimistiche per questa regione, chiamata zona di faglia di Hosgri, che si trova al largo della costa della California a circa metà strada tra San Francisco e Los Angeles.

La ricerca precedente sui pericoli dei terremoti ha preso in considerazione rocce così precariamente bilanciate, ma questo è il primo studio a utilizzarle per perfezionare in modo drammatico un’intera valutazione dei rischi, afferma Glenn Biasi, sismologo presso l’US Geological Survey che non è stato coinvolto nello studio. “Questo sarà un importante caso di studio su come affrontare l’uso delle fragili caratteristiche geologiche“, dice.

Per avere un’idea migliore del comportamento dei terremoti passati in questa parte della California, Rood ei suoi colleghi hanno selezionato sette rocce precarie da un sito vicino alla centrale elettrica del Diablo Canyon, appena a ovest di San Luis Obispo. Hanno scolpito i pezzi esposti delle rocce e li hanno macinati in pezzi. Per scoprire quanti anni avevano le rocce, i colleghi in Australia hanno utilizzato uno spettrometro di massa per analizzare la loro composizione chimica. Confrontando il rapporto tra berillio-10, un raro isotopo atomico prodotto dall’esposizione ai raggi cosmici che piovono costantemente sulla Terra, con il più comune e stabile berillio-9, è stato possibile stimare per quanto tempo la superficie della roccia era stata esposta all’atmosfera.

Questo ha detto ai ricercatori quanti anni avevano le rocce, ma non di che tipo di terremoti sono sopravvissuti. Per capirlo, i ricercatori hanno scattato foto delle rocce e costruito modelli 3D in modo da poter simulare le scosse del terremoto necessarie per farle cadere. I risultati suggeriscono che antichi terremoti di grande magnitudo erano meno frequenti di quanto si pensasse in precedenza. Ciò ha permesso ai ricercatori di prevedere un futuro meno temibile: lo scuotimento medio causato da un terremoto di un anno su 10.000 è inferiore del 27% rispetto alle stime ufficiali della Pacific Gas & Electric Company, riferiscono oggi in AGU Advances .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like

Renault K-ZE la concept car elettrica parte dalla Cina

Concept car K-ZE della Renault prevede l’anteprima della Kwid elettrica, che verrà…

Marte, l’atterraggio della sonda Insight in diretta su Focus

L’atterraggio su Marte della sonda Insight sarà trasmesso in diretta su Focus,…

Il ministro Speranza tranquillizza su un nuovo lockdown

Da giorni i nuovi casi di contagi da Covid 19 stanno aumentando…