La teoria di Einstein trova nuovamente conferma

PutSolarOn

Gli astronomi hanno rilevato per la prima volta la luce proveniente da dietro un buco nero, dimostrando ancora una volta che Albert Einstein ha ragione.

I ricercatori stavano studiando i raggi X emessi da un buco nero supermassiccio al centro della galassia a spirale Zwicky 1, a 800 milioni di anni luce di distanza, quando hanno scoperto questo fenomeno inaspettato.

Oltre a lampeggiare l’atteso raggio X di fronte al buco nero, ha anche scoperto una serie di “Echi di luce” dalla fonte sono stati pubblicati i risultati delle loro scoperte il 28 luglio scorso giornale “Nature “.

La teoria di Einstein trova nuovamente conferma

Stranamente, le strane esplosioni di luce erano piccole, e sono state osservate in seguito, e i loro colori erano diversi da quelli visti provenire da davanti al buco nero, e i ricercatori si sono presto resi conto che gli echi provenivano da dietro il buco nero supermassiccio, che è – secondo la teoria della relatività di Einstein – la deformazione dello spazio-tempo, che permette alla luce di viaggiare intorno al buco nero.

Dan Wilkins, ricercatore presso il Kavli Institute for Astrophysics and Cosmology della Stanford University, ha dichiarato – sul sito EurekAlert – il 28 del mese scorso: “Qualsiasi luce che entra nel buco nero non esce più, quindi non dovremmo essere in grado di vedere nulla dietro il buco nero“.

Il motivo per cui possiamo vederlo è perché un buco nero piega lo spazio, piega la luce e piega i campi magnetici attorno a se stesso“, ha aggiunto.

La teoria della relatività generale descrive come oggetti massicci possono deformare il tessuto dell’universo, chiamato spaziotempo. Einstein scoprì che la gravità non è causata da una forza invisibile, ma semplicemente dalla nostra esperienza della flessione e della deformazione dello spaziotempo in presenza di materia ed energia .

Questo spazio curvo a sua volta stabilisce le regole su come l’energia e la materia si muovono, e sebbene la luce viaggi in linea retta, anche la luce che viaggia attraverso una regione altamente curva dello spaziotempo – come lo spazio attorno a un buco nero – viaggerà anch’essa in una curva , in questo caso, da dietro in avanti.

Non è la prima volta che gli astronomi osservano un buco nero che diffonde la luce – che si chiama lente gravitazionale – ma è la prima volta che vedono echi di luce da un’area situata dietro un buco nero.

Gli astronomi originariamente non intendevano confermare la teoria di Einstein del 1915, ma speravano invece di utilizzare i telescopi spaziali XMM-Newton dell’Agenzia spaziale europea e i telescopi spaziali NuSTAR della NASA (NASA) per osservare la luce emessa dalla nuvola di particelle surriscaldate che si formano all’esterno di un punto di non ritorno del buco nero, o “orizzonte degli eventi”.

Per capire cosa è successo, diciamo che la nuvola surriscaldata – o la corona – attorno al buco nero si gira e diventa più calda quando vi cade dentro.

La rotazione del buco nero fa sì che il campo magnetico combinato del plasma coronale si archi sopra il buco nero e alla fine esploda, rilasciando di conseguenza raggi X dalla corona.

Questo campo magnetico che viene vincolato e poi esplode vicino al buco nero riscalda tutto ciò che lo circonda e produce questi elettroni ad alta energia che poi producono raggi X”, afferma il ricercatore Wilkins.

Ora che i ricercatori hanno fatto questa osservazione, i loro prossimi passi saranno studiare in dettaglio come la luce si piega attorno ai buchi neri e studiare i modi in cui le corone dei buchi neri emettono lampi di raggi X luminos

fonte@Science Alert

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Dancing Ghosts, scoperti i fantasmi dell'universo

I ricercatori della Western Sydney University e dell’Australian Research Service (CSIRO), l’agenzia scientifica nazionale australiana, hanno scoperto strane nuvole di elettroni che circondano le galassie nelle profondità dell’universo.Queste nuvole, a circa un miliardo di anni luce di distanza e mai viste prima, assomigliano a due fantasmi danzanti. I “fantasmi danzanti” […]
Dancing Ghosts scoperti i fantasmi de universo