Microplastiche nelle feci umane, allarme inquinamento
Microplastiche nelle feci umane allarme inquinamento

Uno studio unico nel suo genere ha rilevato materie microplastiche nelle feci umane in tutto il mondo

Uno dei tanti motivi per preoccuparsi del problema dell’inquinamento legato alle materie plastiche è l’incertezza attorno ai suoi effetti quando viene consumato da organismi, compresi noi umani.

Gli scienziati hanno sospettato che possa penetrare nel nostro organismo attraverso il consumo di frutti di mare, e un recente articolo ha confermato la sua presenza nel 93 per cento dell’acqua in bottiglia. Un nuovo studio farà ben poco per dissipare queste paure, descrivendo la presenza di varie materie microplastiche in campioni di feci umane in tutto il mondo per la prima volta.

La ricerca è stata condotta da scienziati della Medical University di Vienna insieme all’Agenzia per l’ambiente Austria, che ha lavorato con un gruppo di otto partecipanti provenienti da Finlandia, Italia, Giappone, Polonia, Paesi Bassi, Regno Unito, Russia e Austria.

Lo studio presupponeva che i soggetti tenessero un diario alimentare per una settimana e poi si facessero controllare le loro feci da quel momento in poi.

Sei di loro hanno consumato pesce di mare in quel momento, e nessuno era vegetariano, mentre tutti consumavano cibi avvolti in plastica e bevevano da bottiglie di plastica.

Gli scienziati hanno così potuto confermare che le microplastiche sono state rilevate in ogni singolo campione di feci, con ben nove diversi tipi di plastica identificati in ciascuno.

Polipropilene (PP) e polietilentereftalato (PET) erano i più comuni e i pezzi variavano da 50 a 500 micrometri. In media, hanno trovato 20 particelle per 10 g (0,35 oz) di feci.

Questo è il primo studio nel suo genere e conferma quello che sospettavamo da tempo, che le materie plastiche alla fine raggiungono l’intestino umano”,

afferma il dott. Philipp Schwabl, ricercatore capo. 

“Di particolare interesse è ciò che questo significa per noi, ed in particolare i pazienti con malattie gastrointestinali. Mentre le più alte concentrazioni di plastica negli studi sugli animali sono state trovate nell’intestino, le più piccole particelle microplastiche sono in grado di entrare nel flusso sanguigno, sistema linfatico e possono anche Raggiungere il fegato. Ora che abbiamo le prime prove delle microplastiche nell’uomo, abbiamo bisogno di ulteriori ricerche per comprendere cosa questo significhi per la salute umana “.

Schwabl presenta la nuova ricerca alla 26a settimana di gastroenterologia europea a Vienna questa settimana.

Contenuti pubblicati dalla redazione di PutSolarOn, sono contenuti scritti a più mani e vengono firmati direttamente dalla redazione del portale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like

Enel Green Power fotovoltaico, proposte e novità

Ci si può riscaldare anche senza gas? Certo e si può anche…

Cimice asiatica: come difendersi e sigillare la propria casa

Il tempo più mite è stato bello per tutti, ma quello che…

I fornitori di energia pulita

I fornitori di energia pulita. Chi sono e qual è l’energia pulita?…