Dalla Nasa le nuove immagini delle dune di Marte

PutSolarOn

La nuova immagine scattata dal Mars Reconnaissance Orbiter a febbraio dall’orbiter da una distanza di 196 miglia sopra la superficie di Marte, e utilizzando la fotocamera HiRISE, rivela alcuni dettagli sulla formazione dei solchi “un buco profondo o buco nella Terra , soprattutto sopra la superficie della Terra“sul Pianeta Rosso, che si formano quando la neve si scioglie al mutare delle stagioni.

Dalla Nasa le nuove immagini delle dune di Marte
Le dune di Marte fotografate dal Mars Orbiter (Foto@Nasa)

E la Nasa ha spiegato che alcune dune di sabbia all’interno del campo sembrano essersi separate dal gruppo principale e sembra che stiano scalando il pendio del cratere lungo una forma simile a un solco.

L’agenzia spaziale americana ha sottolineato che la superficie del campo dunare principale è ricoperta da una serie di motivi poligonali di colore scuro, e questi modelli potrebbero essere il risultato di un processo di gelo stagionale.

Il Mars Orbiter della NASA è noto per aver scattato foto di Marte dal 2006, inviando gigabyte di immagini e rivelando nuovi dettagli sul pianeta rosso.

Uno degli obiettivi primari della navicella spaziale orbitante è trovare prove che l’acqua una volta scorreva sulla superficie di Marte, per quanto tempo e se lo ha fatto in quantità sufficienti e per un periodo abbastanza lungo perché la vita si evolva.

La Nasa osserva che la scoperta di prove dello scioglimento dei ghiacci e della formazione di canyon si aggiunge alla comprensione scientifica del pianeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

La Nasa rivela il progetto da 10 quintilioni di dollari

La prossima mossa della NASA potrebbe significare il collasso dell’economia mondiale. Perché la NASA ha compiuto un passo importante per l’estrazione spaziale. La NASA ha avviato il conto alla rovescia per arrivare a 16 asteroidi del valore di 10 quintilioni di dollari. È iniziato l’assemblaggio finale della sonda di ricognizione. […]
La Nasa rivela il progetto da 10 quintilioni di dollari