Superbatteri sempre più forti: colpa dell’abuso degli antibiotici
Superbatteri sempre piu forti colpa abuso degli antibiotici

La scoperta degli antibiotici è stata forse tra le più rivoluzionarie degli ultimi secoli, permettendo a milioni di persone di salvarsi da tantissime  malattie, oggi debellate o comunque considerate ormai innocue.

Me purtroppo negli ultimi decenni si è assistito a un abuso sconsiderato di questi medicinali, che vengono assunti anche quando non servono e sena alcuna prescrizione medica, creando in pratica l’effetto opposto: i batteri si “abituano” e si rinforzano, tanto che con i comuni antibiotici disponibili non si riesce più a debellare i “superbatteri” che si sviluppano.

Come fa sapere l’Istituto Superiore della Sanità, l’Italia è il primo paese in Europa nella speciale classifica per morti da antibiotico resistenza, e la situazione è davvero drammatica con praticamente il triplo di morti rispetto a quelli da incidenti stradali.

E il fenomeno è in aumento in tutto il mondo: nel 2050 sono previsti 10 milioni di decessi causata dall’antibiotico-resistenza. Più del cancro. Solo negli Usa ogni 15 minuti una persona muore a causa di complicazioni da infezioni resistenti a qualsiasi antibiotico in circolazione. Un totale di 35.000 decessi l’anno.

Il Ministero della Salute, in tema di #AntibioticoResistenza, ha quinid realizzato un bellissimo video diffuso sui social che spiega cosa sono gli antibiotici, ripercorrendone la storia ma soprattutto spiegando come, modificando il proprio corredo genetico, i batteri siano in grado di sviluppare resistenza agli antibiotici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like

Donald Trump riprende la guerra commerciale con la Cina

Nessuno, realisticamente, si aspettava che l’America e la Cina diventassero improvvisamente alleati…

Argento, ecco come pulirlo senza detergenti aggressivi

Nelle nostre case abbiamo una miriade di prodotti differenti, per pulire i…

Energia solare: nuove molecole possono immagazzinarla

Energia solare, nuove molecole possono immagazzinarla lo conferma uno studio che arriva…