Cresce la domanda di metalli non ferrosi per i pannelli solari

PutSolarOn

Gli analisti della società Wood Mackenzie di consulenza energetica, hanno affermato che mentre i governi rispettano i loro impegni per frenare il riscaldamento globale, la crescente dipendenza dall’energia solare aumenterà la domanda di molti metalli non ferrosi.

Gli autori del rapporto hanno identificato 3 minerali che beneficiano di questa crescita della domanda, ovvero alluminio, rame e zinco, e hanno anche proposto tre possibili scenari per i minerali, con una domanda in crescita per ciascuno a seconda del successo degli sforzi internazionali per frenare il riscaldamento globale.

Con l’accordo di Parigi, un accordo storico adottato nel 2015 e firmato da 196 paesi, i paesi hanno concordato un quadro per impedire che le temperature globali aumentino di oltre due gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali.

Lo scenario di base di Wood Mackenzie presuppone che entro la fine del secolo le temperature saranno da 2,8 a 3°C più calde rispetto ai tempi preindustriali.

Cresce la domanda di metalli non ferrosi per i pannelli solari

In questo caso, la domanda di alluminio dal settore solare passerà da 2,4 milioni di tonnellate nel 2020 a 4,6 milioni di tonnellate nel 2040.

In genere, l’alluminio viene utilizzato nei telai dei pannelli solari e nelle parti strutturali, hanno osservato Kamel e Lasley, analista di ricerca senior presso Wood Mackenzie.

Gli analisti hanno affermato che se l’aumento della temperatura globale viene mantenuto tra 1,5 e 2 gradi Celsius, ciò significa che la domanda di alluminio per l’energia solare potrebbe aumentare di oltre 4 volte e raggiungere tra 8,5 milioni di tonnellate e 10 milioni di tonnellate all’anno entro il 2040.

In uno scenario climatico più ottimistico, in cui le rinnovabili sono più facilmente adottate per limitare l’aumento della temperatura a 1,5°C, la domanda del settore solare rappresenterà il 12,6% del consumo totale di alluminio globale entro il 2040, rispetto al 3% del 2020.

Wood Mackenzie ha affermato che anche la domanda di rame, utilizzato nei cavi di trasmissione ad alta e bassa tensione e nei collettori solari termici, è destinata a produrre “notevoli guadagni” man mano che l’energia solare diventa più diffusa.

Lo scenario di base del rapporto prevedeva che la domanda di rame dalla produzione di energia solare sarebbe aumentata da 0,4 milioni di tonnellate nel 2020 a 0,7 milioni di tonnellate all’anno entro il 2040.

Il consumo di rame nel settore dell’energia solare aumenterà a 1,3 milioni di tonnellate entro il 2040 se il riscaldamento globale sarà limitato a 2°C.

Il rapporto afferma che se l’aumento della temperatura è limitato a 1,5 gradi Celsius, si prevede che il consumo di metallo rosso da parte dell’industria salirà a 1,6 milioni di tonnellate all’anno durante i prossimi due decenni.

Nel frattempo, gli analisti notano che solo il rivestimento in zinco può fornire una protezione dalla corrosione economica e a lungo termine, utilizzando il metallo utilizzato nelle parti strutturali dei pannelli solari.

Wood Mackenzie ha affermato che gli impianti solari attualmente consumano circa 0,4 milioni di tonnellate di consumo globale annuo di zinco.

Se le temperature globali sono in procinto di aumentare da 2,8 a 3 gradi Celsius entro la fine di questo secolo, si prevede che tale numero aumenterà a 0,8 milioni di tonnellate entro il 2040.

Con temperature che salgono a 2 gradi Celsius, il consumo di zinco aumenterà a 1,7 milioni di tonnellate all’anno entro il 2040. Se il riscaldamento viene limitato con successo a 1,5 gradi Celsius, il consumo di zinco nel settore solare aumenterà a 2,1 milioni di tonnellate all’anno entro il 2040, secondo gli analisti.

La previsione di Wood Mackenzie per i tre metalli riguardava la domanda proveniente dall’industria solare e non prevedeva la domanda globale totale.

Walesley ha osservato nella nota di Wood Mackenzie che i minori costi di produzione e l’aumento dell’efficienza hanno abbassato il prezzo dell’energia solare in tutto il mondo.

Di conseguenza, l’energia solare è diventata più economica di qualsiasi altra tecnologia in molte parti degli Stati Uniti e in molti altri paesi del mondo“, affermano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Primo volo pubblico nello spazio, grazie a Elon Musk

Si chiama Jared Isaacman, fondatore e CEO degli Stati Uniti della società di e-commerce Shift for Payments, sarà lui a capo di 3 amici alle prime armi nel primo volo nello spazio, con un equipaggio tutto civile. Il viaggio dovrebbe durare tre giorni, dalla partenza da Cape Canaveral, nello stato […]
Primo volo pubblico nello spazio grazie a Elon Musk