La verità sul processore Tensor di Google

PutSolarOn

Con il lancio di Google Pixel 6 e Pixel 6 Pro, l’azienda americana ha lanciato il suo primo processore, noto come Tensor e, sviluppato dall’azienda da zero.

Tuttavia, diverse informazioni puntano nella direzione opposta e indicano che non sia proprio tutta farina proprio sacco.

Questo perché sono stati trovati riferimenti che collegano il Tensor a un processore Exynos che Samsung non ha mai rilasciato.

Andrei Frumusanu della pubblicazione Anandtech, ha recentemente rovistato nel firmware di Pixel 6 e ha trovato qualcosa che Google non avrebbe rivelato.

Questo analista si è imbattuto in frammenti di codice che indicano una relazione tra un Tensor e un Exynos.

Secondo le tue informazioni, Google Tensor è stato sviluppato da un SoC posizionato tra l’Exynos 2100 e l’Exynos 2200.

La verita sul processore Tensor di Google

In altre parole, un SoC che sta tra le generazioni, in quanto è più potente del processore Galaxy S21, ma leggermente inferiore a quello che è in fase di sviluppo con AMD.

Queste informazioni indicano che il processore potrebbe essere basato su un processore Samsung inedito.

Questo può aiutare a spiegare perché le prestazioni di Google Tensor non hanno impressionato particolarmente. I noti test di benchmark rivelano prestazioni abbastanza accettabili per la fascia in cui è posizionato, ma non eguagliano i suoi concorrenti Qualcomm.

D’altra parte, Google Tensor ha un modulo di elaborazione delle immagini molto interessante che consente al Pixel 6 di posizionarsi come una delle migliori fotocamere di oggi.

Google Pixel 6 e PIxel 6 Pro sono stati annunciati a metà ottobre e mostrano che l’azienda vuole guardare al segmento premium con questi prodotti.

Hanno il loro design, una qualità costruttiva superiore alla media e nuovi sensori nelle loro fotocamere. Tuttavia, non sono disponibili in Portogallo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Composti organici, Marte ospitava la vita

Il rover Curiosity ha trovato tracce di molecole organiche mai rilevate prima sul Pianeta Rosso. La nuova tecnica, che non ha richiesto l’uso di un trapano, potrebbe essere uno strumento efficace per la ricerca di particelle a base di carbonio e quindi potenziali tracce di vita. È interessante notare che […]
Composti organici Marte ospitava la vita