Il primo batterio enorme da 2cm visibile ad occhio nudo

PutSolarOn

Lo strano organismo è stato definito un “anello mancante” tra le cellule procariotiche ed eucariotiche.

Un batterio scoperto di recente nelle mangrovie dei Caraibi è di dimensioni enormi, tanto da poter essere visto ad occhio nudo. Infatti, può raggiungere i 2 cm di lunghezza. Cioè, circa 5.000 volte più grande di qualsiasi suo congenere.

Di solito il genoma di un batterio galleggia all’interno della cellula. Non è questo il caso di questo gigantesco batterio che ha un genoma che non galleggia liberamente all’interno della cellula ma è racchiuso in una membrana, caratteristica di cellule molto più avanzate e complesse, come quelle che compongono il corpo umano.

In un articolo pubblicato su bioRxiv, i ricercatori spiegano come questo potrebbe essere un vero e proprio ‘anello mancante‘ nell’evoluzione delle cellule complesse.

Il primo batterio enorme da 2cm visibile ad occhio nudo
foto@CC0

Nell’articolo si distinguono due gruppi di cellule: i procarioti, che sono cellule semplici, prive di un nucleo ben definito e il cui materiale genetico è distribuito in tutto il suo interno.

A questo primo gruppo appartengono i batteri e tutti i microbi unicellulari del regno degli archaea; e dall’altro gli eucarioti, che sono cellule molto più complesse e compartimentate, con un nucleo circondato da una membrana che immagazzina il DNA e organelli che svolgono diverse funzioni.

A questo secondo gruppo appartengono tutte le cellule che formano organismi complessi, dai lieviti semplici all’uomo.

Ma questa nuova scoperta sta sconvolgendo il confine tra procarioti ed eucarioti. Oliver Gros, un biologo dell’Università delle Indie occidentali francesi e coautore dell’articolo, si è imbattuto in un particolare organismo a forma di filamento che cresceva sulle foglie di mangrovie in decomposizione 10 anni fa.

Non molto tempo fa, uno studente laureato di Gros, Jean-Marie Volland, si è assunto il compito di caratterizzarli, ed è grazie a questo fatto che Gros ha riconosciuto che oltre ad essere grandi, questi batteri erano speciali.

Lo chiamarono Thiomargarita magnifica. Volland ha trovato due sacche racchiuse nella membrana all’interno del batterio, una delle quali conteneva tutto il DNA della cellula.

Secondo lo scienziato, ciò implica che i due rami della vita potrebbero non essere così diversi come si credeva in precedenza.

Il secondo sacco potrebbe essere il motivo per cui questi batteri sono riusciti a crescere così grandi. In effetti, è simile a quello di altri batteri giganti. Secondo i ricercatori,Il motivo dell’enorme crescita del batterio sarebbe dovuto al suo sacco membranoso d’acqua, che occupa il 73% del volume dell’organismo.

L’esemplare più grande osservato era lungo 2 cm.

Si ritiene che potrebbero essercene di più grandi. Il sacco di DNA, schiacciato contro il bordo interno del batterio, ha rivelato un genoma altrettanto enorme: circa 11 milioni di basi che costituiscono circa 11.000 geni chiaramente distinguibili. In generale, i genomi batterici hanno una media di quattro milioni di basi, circa 3.900 geni.

La scoperta contraddice l’idea generale che i batteri siano organismi poco evoluti , semplici sacchi di proteine ​​e incapaci di svolgere i compiti di una vita complessa.

Troppo spesso i batteri sono considerati forme di vita piccole, semplici e ‘non evolute’, le cosiddette ‘sacche proteiche’. ma beatitudinebatterio mostra che questo non potrebbe essere molto più lontano dalla verità”, afferma Chris Greening, microbiologo della Monash University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Importante per chi ha avuto la febbre dopo la seconda dose di vaccino

In uno studio condotto da scienziati giapponesi, è stato riscontrato che il livello di anticorpi era più alto nelle persone che mostravano segni di febbre alta dopo la seconda dose di vaccino contro il coronavirus (Covid-19). Mentre la campagna di vaccinazione di fronte all’epidemia di Coronavirus (Covid-19) continua in molti […]
Importante per chi ha avuto la febbre dopo la seconda dose di vaccino