Che sorpresa la Cometa Bernardinelli Bernstein

PutSolarOn

La cometa Bernardinelli-Bernstein (BB) – la più grande mai osservata dai nostri telescopi – sembra essere in viaggio dai confini esterni del nostro sistema solare e la vedremo volare relativamente vicino all’orbita di Saturno.

Ora, una nuova analisi dei dati ha rivelato qualcosa di sorprendente. Osservando le letture registrate dal Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) tra il 2018 e il 2020, i ricercatori hanno scoperto che BB è diventato attivo prima e più lontano dal Sole, di quanto si pensasse in precedenza.

Una cometa si attiva quando la luce del sole riscalda la sua superficie ghiacciata, trasformando il ghiaccio in vapore e rilasciando polvere e ciottoli intrappolati. La foschia risultante potrebbe essere utile per gli astronomi nel determinare esattamente di cosa è fatta una particolare cometa.

Sulla base di studi su comete a distanze simili, la foschia emergente è stata probabilmente guidata da un lento rilascio di monossido di carbonio. In precedenza era stata osservata una sola cometa attiva a una distanza maggiore dal Sole, ed era molto più piccola della cometa BB.

Queste osservazioni spingono le distanze delle comete attive significativamente più lontano di quanto sapevamo in precedenza“, afferma l’astronomo Tony Farnham, dell’Università del Maryland (UMD).

Che sorpresa la Cometa Bernardinelli Bernstein

Sono stati necessari alcuni strati di immagini per rilevare la foschia attorno al BB: i ricercatori hanno dovuto combinare più scatti di TESS, che utilizzano esposizioni lunghe 28 giorni, con la posizione della cometa allineata ogni volta per osservarla meglio.

Le dimensioni della cometa, circa 100 chilometri, e la sua distanza dal sole quando è diventata attiva sono i principali indizi della presenza di monossido di carbonio.

In effetti, in base a ciò che sappiamo sul monossido di carbonio, è possibile che BB stesse già producendo nuvole prima che apparisse alla vista dei nostri telescopi.

Supponiamo che la cometa BB fosse molto probabilmente attiva più lontano, ma non l’abbiamo mai vista prima“, afferma Farnham. “Quello che non sappiamo ancora è se c’è un punto di sosta in cui possiamo iniziare a vedere queste cose in celle frigorifere prima che diventino attive” .

Replicando la tecnica di impilamento delle immagini sugli oggetti della fascia di Kuiper, i ricercatori sono stati in grado di confermare che i loro metodi erano effettivamente validi e che l’attività osservata attorno al BB non era solo un effetto sfocato del posizionamento di diverse immagini una sopra l’altra.

Tutti questi calcoli precisi sono utili agli astronomi per determinare l’origine delle singole comete e da lì tracciare la storia del nostro sistema solare. Questo è certamente il caso di BB.

E man mano che i nostri telescopi e sensori diventeranno più potenti, lo saranno anche le scoperte di comete, che si tratti di trovare i tipi più rari di comete nello spazio o di trovare comete con composizioni chimiche lontane dalla norma.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Planetary Science.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Energia rinnovabile dominerà il mercato nel 2026

Un rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia ha mostrato nella giornata di mercoledì, che l’energia rinnovabile dovrebbe rappresentare circa il 95% dell’aumento della capacità di produrre elettricità nel mondo da qui alla fine del 2026 e che l’energia solare contribuirà alla metà di questo aumento. Ciò avviene nonostante l’aumento dei costi […]
Energia rinnovabile dominera il mercato nel 2026