Facebook il tuo account hackerato? scopri se è vero
Facebook il tuo account hackerato scopri se e vero

COME VERIFICARE SE IL TUO ACCOUNT DI FACEBOOK È STATO HACKERATO

Alla fine del mese scorso, Facebook ha fatto una rivelazione esplosiva: ben 90 milioni dei suoi utenti potrebbero aver avuto i cosiddetti token di accesso, che ti permettono di lasciar connesso il tuo account senza effettuare l’accesso ogni volta e questo potrebbe essere stato rubato dagli hacker. Venerdì, la società ha rivelato, come riporta il famoso portale Wired.com, il numero effettivo degli account hackerati che ammonterebbe a 30 milioni.

Ma come capire se il tuo account Facebook è stato hackerato?

Potrebbe esserci comprensibilmente una certa confusione in merito alla questione; poche settimane fa, Facebook ha preallertato 90 milioni dei suoi utenti con molta cautela, facendo in modo che resettassero le loro password e negassero l’accesso a questi famosi token hack. Nei prossimi giorni, Facebook inserirà un messaggio personalizzato nei feed di notizie dei 30 milioni di persone i cui account sono stati effettivamente colpiti, in base all’entità del danno.

I conti delle persone sono già stati garantiti dall’azione che abbiamo intrapreso due settimane fa per reimpostare i token di accesso per le persone potenzialmente esposte, nessuno deve uscire di nuovo e nessuno deve cambiare la password“, afferma Guy Rosen, vicepresidente Facebook della gestione dei prodotti.

Spiegheremo quali informazioni potrebbero essere accessibili agli aggressori e quali misure adottare per proteggersi da eventuali e-mail sospette o messaggi di testo o chiamate che potrebbero potenzialmente risultare da questo tipo di informazioni esposte.

I restanti 29 milioni di utenti vedranno uno dei due messaggi, a seconda dell’estensione del danno. Quindici milioni di loro avevano il loro nome, indirizzo email e numero di telefono al quale gli hacker potevano accedere, non è un contentino ma i restanti 14 milioni di utenti di Facebook hanno avuto la peggio.

Oltre alle informazioni di contatto di cui sopra, l’elenco di dettagli ai quali gli hacker hanno avuto accesso sono tanti: nome utente, data di nascita, sesso, dispositivi utilizzati su Facebook e impostazioni della lingua, questo il minimo. Poi ci sono le altre informazioni se sono state inserite come lo stato della relazione, la religione, la città natale, la città corrente, il lavoro, l’istruzione o le sezioni del sito web del tuo profilo, la cosa più inquietante di tutte, hanno potuto accedere alle 10 posizioni più recenti in cui ti sei registrato o sei stato taggato e alle 15 ricerche più recenti che hai inserito nella barra di ricerca di Facebook.

Facebook afferma di non aver ancora avuto segni che gli hacker abbiano utilizzato i famosi token di accesso per infiltrarsi in app e servizi di terze parti, come tecnicamente sarebbe possibile. E sostiene che nessuna password dell’account o i dati della carta di credito sono stati compromessi. Ma la quantità di informazioni e la sua natura sensibile dovrebbero essere un vantaggio per i phisher e gli scammer negli anni a venire. Puoi cambiare la tua password o cancellare una carta di credito. La tua città natale sarà sempre quella però. E dove sei stato, chi hai cercato o con chi sei stato taggato, sono momenti profondamente personali della tua vita, sia online che nel mondo reale.

Facebook riconosce almeno questo nella sua pagina di supporto, offrendo alcuni consigli su come evitare tentativi di phishing , come essere “cauti su telefonate indesiderate, messaggi di testo o e-mail da persone che non conosci“.

You May Also Like

Def, ancora nessun risultato dal vertice di governo

Riuscirà la nuova compagine di governo formata da 5Stelle e Pd ad…

Molise, convocati i militari perché mancano i medici

Se non fosse una cosa così seria e delicata, verrebbe addirittura da…

Renault K-ZE la concept car elettrica parte dalla Cina

Concept car K-ZE della Renault prevede l’anteprima della Kwid elettrica, che verrà…