Facebook non utilizzerà più il sistema di riconoscimento facciale

PutSolarOn

Facebook ha annunciato che non utilizzerà più il riconoscimento facciale sulla sua piattaforma, che consente di identificare, dal 2010, una persona sulla base di foto o video pubblicati sul social network.

Il gruppo californiano coinvolto in diversi scandali ha anche indicato che sopprimerà le informazioni di riconoscimento facciale accumulate relative ad un miliardo di utenti, secondo un comunicato.

Questo cambiamento rappresenterà uno degli sviluppi più importanti in termini di utilizzo del riconoscimento facciale nella storia di questa tecnologia” , ha evidenziato il vicepresidente dell’azienda responsabile dell’intelligenza artificiale, Jerome Pesenti.

Facebook non utilizzera piu il sistema di riconoscimento facciale

Più di un terzo degli utenti giornalieri di Facebook ha attivato il riconoscimento facciale e può essere riconosciuto“, ha specificato.

Saranno quindi soppressi più di un miliardo di modelli numerici di riconoscimento facciale.

Questa decisione inaspettata significa che alcuni strumenti popolari sulla rete non funzioneranno più, ad esempio, l’algoritmo non riuscirà a identificare le persone presenti in una foto quando qualcuno la pubblica.

Facebook deve affrontare una serie di accuse associate al rilascio di documenti interni da parte di un ex dipendente.

Frances Haugen ha garantito, in dichiarazioni al Congresso degli Stati Uniti, al Parlamento europeo e, ora, al Web Summit in corso a Lisbona, che la società di social media mette i suoi profitti prima della sicurezza dei suoi utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

La Nasa cerca disperatamente di recuperare Hubble

Alla fine di ottobre, il telescopio spaziale Hubble ha subito un errore di sincronizzazione ed è entrato in modalità provvisoria, con le operazioni scientifiche sospese. Mentre i funzionari della NASA continuano a indagare sulle possibili ragioni alla base del problema, l’agenzia spaziale afferma che gli strumenti del telescopio hanno emesso […]
La Nasa cerca disperatamente di recuperare Hubble