Mauritius, la petroliera incagliata si è spezzata

PutSolarOn

Negli ultimi giorni si è lavorato duramente per cercare di arginare la fuoriuscita di petrolio e cercare di evitare un vero e proprio disastro naturale, ma purtroppo dalle Mauritius non ci sono affatto buone notizie: si è infatti spezzata in due tronconi la nave Mv Wakashio, incagliata dal 25 luglio su una barriera corallina al largo della Mauritius e che da allora ha perso oltre 1.000 tonnellate di petrolio in mare.

Finora le squadre di soccorso sono riuscite a pompare quasi 3mila tonnellate di petrolio, ma ne resterebbero ancora 90 tonnellate infiltrate in varie parti della nave e che ora, si teme, possano finire in mare.

A rendere ancor più allarmante la situazione il peggioramento delle condizioni meteo, con le previsioni che stimano “onde alte fino a 4,5 metri” in arrivo nella zona. 

La Nbc racconta che i cittadini hanno costruito delle barriere con tessuto, foglie di canna da zucchero e bottiglie di plastica vuote per contenere la fuoriuscita di petrolio.

La marea nera di carburante fuoriuscita dalla petroliera è visibile dallo spazio da dove appare come un laccio stretto intorno a Mauritius.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Il ministro Speranza tranquillizza su un nuovo lockdown

Da giorni i nuovi casi di contagi da Covid 19 stanno aumentando esponenzialmente e gli italiani sono preoccupatissimi: per la propria salute, certo, ma anche per l’eventualità di un nuovo lockdown. La possibilità di dover affrontare una nuova quarantena terrorizza tutti e sta facendo vivere questi ultimi giorni d’estate nella […]
Il ministro Speranza tranquillizza su un nuovo lockdown