Oumuamua nessuna tecnologia aliena, fine del mistero

PutSolarOn

Fine del mistero per la roccia spaziale Oumuamua, che a quanto pare sembra essere un residuo di un pianeta

Oumuamua nessuna tecnologia aliena fine del mistero
foto@Wikimedia

Il misterioso corpo celeste Oumuamua, che è stato visto per la prima volta nel 2017 , è stato finora oggetto di interessanti discussioni.

Oumuamua, per molti, sarebbe stato inviato dagli alieni per osservare. Alcune persone hanno suggerito che si trattasse di un’astronave in disuso appartenente ad alieni. Secondo gli scienziati, è il primo asteroide interstellare del tempo visto dagli esseri umani. E’ venuta alla luce però una nuova ricerca su Oumuamua.

Le teorie e le affermazioni su Oumuamua sono infinite. Molti teorici hanno ipotizzato si trattasse di un’astronave interstellare. Alcune persone dicono che Oumuamua sta semplicemente osservando la Terra, altri sostengono che in realtà appartiene agli alieni che vivono sottoterra su Marte.

Ora i risultati di un nuovo studio su Oumuamua sono stati condivisi, rivelando così che non è in realtà una cometa. Secondo un nuovo studio pubblicato sul Journal of Geophysical Research: Planets, AGU, Oumuamua, il primo oggetto interstellare conosciuto per transitare attraverso il nostro Sistema Solare, era probabilmente parte di un pianeta simile a Plutone in un altro sistema solare.

I risultati potrebbero aiutare gli scienziati a capire perché si sono formati gli esopianeti e l’evoluzione dei sistemi solari.

Questa ricerca è eccitante, probabilmente gratificante per aver svelato il mistero di cosa sia Oumuamua e averlo identificato come parte di un pianeta simile a Plutone“, afferma Steven Desch, astrofisico dell’Arizona State University e autore del nuovo studio.

Fino ad ora, non c’era modo di sapere se altri sistemi solari avessero pianeti simili a Plutone, ma ora abbiamo visto un singolo pezzo passare vicino alla Terra“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Marte ha perso acqua miliardi di anni fa, conferma una simulazione

Un simulazione ha confermato l’esistenza e la sparizione dell’acqua sulla superfice di Marte, avvenuta miliardi di anni fa Sulla base dei nuovi risultati, gli esperti ritengono che lo strato esterno del pianeta, la crosta, possa essersi racchiuso: l’acqua antica esiste nella roccia di Marte sotto forma di minerali. I ricercatori […]
Marte ha perso acqua miliardi di anni fa