Gli scienziati scoprono una cometa di 137 km

PutSolarOn

Gli scienziati hanno chiamato questa cometa 2014 UN271/(Bernardinelli-Bernstein). Ha una dimensione di 137 chilometri, il che la rende ufficialmente la più grande cometa che gli astronomi abbiano mai visto.

Le prime foto di Bernardinelli-Bernstein sono state scattate nel 2014, quando è stata avvistata dai ricercatori a una distanza di 4,59 miliardi di chilometri dalla Terra. Questa è più o meno la stessa distanza del pianeta Nettuno. Ora queste misurazioni sono state ufficialmente confermate.

Abbiamo confermato queste misurazioni“, ha affermato il dottor Emmanuel Lellouche dell’Osservatorio di Parigi in un’intervista con New Scientist.

Gli scienziati scoprono una cometa di 137 km

Questa è la più grande cometa della nube di Oort mai scoperta“. Ciò significa che la cometa Bernardinelli-Bernstein ha spostato dal primo posto la famosa cometa Hale-Bopp, la cui dimensione è di circa 70 chilometri.

Secondo gli scienziati della NASA, la nube di Oort è la regione più distante del nostro sistema solare e si ritiene che contenga miliardi di frammenti di detriti spaziali che un tempo erano stati espulsi dal sistema solare formatosi.

I ricercatori ritengono che la nube di Oort possa risolvere il mistero del gemello perduto da tempo del nostro Sole. È anche possibile che contenga indizi sul misterioso Pianeta X, la cui esistenza gli astronomi devono ancora dimostrare.

Inoltre, gli scienziati ritengono che la nube di Oort abbia svolto un ruolo importante nella storia della Terra, ad esempio, ha causato l’estinzione dei dinosauri.

C’è un’ipotesi secondo cui una stella di passaggio dal nostro sistema solare abbia avuto un effetto gravitazionale su alcuni asteroidi, alcuni dei quali si sono scontrati con la Terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Proxima Centauri è la culla di un esopianeta come la Terra

La stella più vicina Proxima Centauri risulta essere la casa di un altro pianeta. I ricercatori lo scrivono in uno studio pubblicato su Astronomy & Astrophysics. Nel nuovo studio, gli astronomi hanno osservato la galassia utilizzando il Very Large Telescope (VLT) dell’European Southern Observatory (ESO). Con loro sorpresa, si sono […]
Proxima Centauri la culla di un esopianeta come la Terra