Il più grande asteroide del 2021 è passato accanto alla Terra

PutSolarOn

Il più grande asteroide che si è avvicinato alla Terra nel 2021è passato nella giornata di ieri, domenica

grande asteroide del 2021 passato accanto alla Terra

Per quanto possa averci “sfiorato”, la distanza era di circa due milioni di chilometri, senza alcun rischio di collisione. Ma l’evento ha consentito ai ricercatori di studiare l’oggetto celeste, secondo quanto riportato da AFP.

Chiamato 2001 FO32 e con un diametro inferiore a un chilometro, una velocità di 124.000 km/h, “più veloce della maggior parte degli asteroidi” che transitano vicino alla Terra, afferma la NASA.

Il corpo roccioso, che non è alla sua prima visita, è stato quello più vicino alla Terra domenica alle 16.02 GMT. Ad una distanza di 2.016.158 km, circa cinque volte la distanza della Terra-Luna.

Non vi è alcun rischio di collisione con il nostro pianeta“, aveva già affermato l’agenzia statunitense. La sua traiettoria è “ben nota e abbastanza regolare” da eliminare ogni pericolo, come dimostrano gli esperti dell’Osservatorio Paris-PSL

Tuttavia, l’asteroide è stato classificato come “potenzialmente pericoloso“, come qualsiasi corpo la cui orbita è inferiore a 19,5 volte la distanza Terra-Luna e che ha un diametro maggiore di 140 metri.

L’asteroide 2001 FO32” è stato osservato per la prima volta nel 2001 e da allora è stato attentamente monitorato. Fa parte della famiglia di asteroidi “Apollon“, che ruotano attorno al Sole in meno di un anno e possono intersecarsi con l’orbita terrestre.

Attualmente sappiamo molto poco di questo oggetto e questa vicinanza ci offre un’incredibile opportunità di saperne di più“, ha detto Lance Benner, ricercatore presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA , che sovrintende al Centro per lo studio degli oggetti vicini della Terra ( CNEOS).

Secondo il CNEOS, “gli astronomi dilettanti dell’emisfero meridionale e delle basse latitudini settentrionali sarebbero stati in grado di vederlo“, utilizzando un telescopio di almeno 20 centimetri di diametro.

Il 5 marzo, il temuto Apophis, l’asteroide che prende il nome dal dio egizio del male e della distruzione, è passato per il relativo avvicinamento della Terra, l’ultima visita che ci farà, sarà il 13 aprile 2029, quando si avvicinerà così tanto al nostro pianeta che passerà attraverso l’area in cui sono posizionati i satelliti in orbita alta, secondo SPACE.com.

Gli astronomi ritengono che abbia un diametro di circa 340-370 metri ed è composto da una miscela di roccia e metallo, secondo la NASA. Apophis ha probabilmente la forma di un baccello di arachidi: due pezzi di forma irregolare incollati insieme.

Gli astronomi hanno visto per la prima volta Apophis nel 2004. La scoperta di questo asteroide è un perfetto esempio del concetto di “difesa planetaria“, difatti monitorato dal servizio di osservazione e monitoraggio di asteroidi con orbite che passano attraverso la relativa vicinanza della Terra per determinare se hanno qualche rischio di colpire il nostro pianeta.

Per un breve periodo, dopo la sua scoperta nel 2004, gli astronomi hanno affermato che c’era un rischio del 3% che Apophis si scontrasse con la Terra il 13 aprile 2029. Questo perché anche gli strumenti di osservazione astronomica più performanti hanno un certo margine di errore, il cui margine è maggiore è l’asteroide rilevato a una distanza maggiore dalla Terra. Questa preoccupazione derivante dalle prime osservazioni dell’asteroide ha portato alla scelta del nome Apophis, il demone serpente nella mitologia egizia che incarnava il male e il caos.

Osservazioni successive hanno dimostrato che non vi è alcun rischio di collisione entro il 2029, ma lo stesso rischio è stato preso in considerazione per le visite a questo asteroide previste nel 2036 e poi nel 2068.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Acer: Virus e riscatto da 50 milioni di dollari

L’azienda di Taiwan alle prese con un gruppo informatico che ha chiesto un pagamento di 50 milioni di dollari Dopo aver effettuato un attacco informatico, il gruppo REvil richiede il pagamento di 50 milioni di dollari all’azienda taiwanese per liberare i sistemi crittografati, la somma più alta per questo tipo […]
Acer Virus e riscatto da 50 milioni di dollari