Eureka, ecco da dove deriva questa “felice” esclamazione
Eureka ecco da dove deriva questa felice esclamazione

La maggior parte di noi ha sentito per la prima volta la parola “Eureka” e l’ha immediatamente amata attraverso i fumetti di Topolino, ma questo termine ha una storia ben più lunga e “gloriosa”.

Esattamente si tratta della traslitterazione della voce gr. “héureka”, traducibile come ‘ho trovato’, prima persona singolare del perfetto di “heurískein”.

Oggi l’esclamazione è usata come sinonimo di “gioia” o di “evviva ce l’ho fatta!”, ma il termine in è tradizionalmente attribuito all’antico matematico siracusano Archimede, che sembra l’abbia proferita quando, entrando in una vasca da bagno e notando che il livello dell’acqua era salito, capì che il volume di acqua spostata doveva essere uguale al volume della parte del suo corpo immersa: una scoperta che cambiò per sempre la storia della fisica.

Eureka quindi viene spesso utilizzata per identificare un avvenimento importante, ovvero una nuova scoperta o una nuova invenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like

Regno Unito flagellato da un nuovo e misterioso batterio raro

Negli ultimi mesi abbiamo parlato molto di batteri e soprattutto super-batteri, cioè…

Risparmio energetico, avanza il raffreddamento radiativo a basso costo

Il sistema di raffreddamento radiativo a basso costo, a risparmio energetico, sarebbe…

Enel Green Power fotovoltaico, proposte e novità

Ci si può riscaldare anche senza gas? Certo e si può anche…