Eureka, ecco da dove deriva questa “felice” esclamazione
Eureka ecco da dove deriva questa felice esclamazione

La maggior parte di noi ha sentito per la prima volta la parola “Eureka” e l’ha immediatamente amata attraverso i fumetti di Topolino, ma questo termine ha una storia ben più lunga e “gloriosa”.

Esattamente si tratta della traslitterazione della voce gr. “héureka”, traducibile come ‘ho trovato’, prima persona singolare del perfetto di “heurískein”.

Oggi l’esclamazione è usata come sinonimo di “gioia” o di “evviva ce l’ho fatta!”, ma il termine in è tradizionalmente attribuito all’antico matematico siracusano Archimede, che sembra l’abbia proferita quando, entrando in una vasca da bagno e notando che il livello dell’acqua era salito, capì che il volume di acqua spostata doveva essere uguale al volume della parte del suo corpo immersa: una scoperta che cambiò per sempre la storia della fisica.

Eureka quindi viene spesso utilizzata per identificare un avvenimento importante, ovvero una nuova scoperta o una nuova invenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like

Dobby bag, richiederla per evitare lo spreco di cibo

Fino a qualche anno fa, quando si andava a mangiare fuori, qui…

Rotazione delle colture, modo intelligente per salvaguardare la fertilità della terra

Anche se non avete un pollice troppo verde, ma avete un pezzo…

Roma dovrà essere liberata dai rifiuti in una settimana

Roma è conosciuta in tutto il mondo come la città “eterna”, ma…