Eureka, ecco da dove deriva questa “felice” esclamazione
Eureka ecco da dove deriva questa felice esclamazione

La maggior parte di noi ha sentito per la prima volta la parola “Eureka” e l’ha immediatamente amata attraverso i fumetti di Topolino, ma questo termine ha una storia ben più lunga e “gloriosa”.

Esattamente si tratta della traslitterazione della voce gr. “héureka”, traducibile come ‘ho trovato’, prima persona singolare del perfetto di “heurískein”.

Oggi l’esclamazione è usata come sinonimo di “gioia” o di “evviva ce l’ho fatta!”, ma il termine in è tradizionalmente attribuito all’antico matematico siracusano Archimede, che sembra l’abbia proferita quando, entrando in una vasca da bagno e notando che il livello dell’acqua era salito, capì che il volume di acqua spostata doveva essere uguale al volume della parte del suo corpo immersa: una scoperta che cambiò per sempre la storia della fisica.

Eureka quindi viene spesso utilizzata per identificare un avvenimento importante, ovvero una nuova scoperta o una nuova invenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like

Google Maps si aggiorna per il suo 15esimo compleanno

Vi ricordate quando, per andare in qualsiasi luogo, ci si doveva affidare…

A breve i rimborsi per le bollette a 28 giorni

Nei mesi scorsi tutti noi, volenti o nolenti, siamo stati costretti a…

Libertà di stampa, un diritto guadagnato faticosamente

Oggi sembra “scontato” che chiunque di noi possa esprimere la propria opinione,…