Europa è la culla della vita, non più l’Africa

PutSolarOn

Uno studio pubblicato dalla prestigiosa rivista PLOS One sostiene che l’Europa, non l’Africa, sarebbe la culla dell’umanità.

La teoria generalmente accettata dai paleoantropologi è che gli antenati umani si siano separati dalle scimmie circa 7 milioni di anni fa in Africa, dove i loro discendenti sono rimasti per oltre 5 milioni di anni prima che iniziassero a diffondersi in altre aree geografiche.

Questo nuovo studio si basa sull’analisi di due fossili di ominidi con denti simili a quelli umani, considerati l’anello mancante nella separazione dalle scimmie antropoidi, che sono stati scoperti in Bulgaria e in Grecia e risalgono a 7,2 milioni di anni.

Europa la culla della vita non piu Africa

I due fossili sono stati inclusi nella specie Graecopithecus freybergi, soprannominata “El Graeco” dai ricercatori, e mostrano che gli antenati dell’uomo vivevano già in Europa 200.000 anni prima dei più antichi fossili di ominidi scoperti in Africa, secondo la pubblicazione britannica The Telegraph.

Un team internazionale di ricercatori che ha analizzato i risultati ha concluso che questi fossili alterano la storia della prima umanità e collocano l’ultimo antenato comune di ominidi e scimmie antropoidi – il tanto agognato anello mancante – nella regione del Mediterraneo.

7,2 milioni di anni fa, l’Europa orientale appare sorprendentemente simile all’Africa centrale, le caratteristiche climatiche di quel periodo determinarono lo sviluppo di una vegetazione di savana, con ampi spazi aperti, condizioni alle quali gli antenati dell’uomo dovettero adattarsi per identificare nuove fonti di cibo, rinunciando allo stile di vita arboricolo ed evolvendosi verso la deambulazione bipede.

Questo studio cambia radicalmente ciò che pensavamo di sapere sul luogo e sul periodo in cui l’umanità ha mosso i suoi primi passi“, ha affermato il professor Nikolai Spassov dell’Accademia delle scienze bulgara.

Graecopithecus non è una scimmia. È un membro di una tribù di ominidi e l’antenato diretto di (genere) Homo (di cui Homo sapiens fa parte). Il cibo del Graecopithecus è caratteristico del tipo di vegetazione della savana, essendo diverso da cibo per scimmie antropoidi che vivono nelle foreste“.

Così, come gli umani, aveva molari più larghi ricoperti da uno spesso strato di smalto. Da un certo punto di vista, si tratta di un anello mancante appena scoperto. La figlia di El Graeco era probabilmente molto simile ai volti delle scimmie antropoidi, ma aveva canini più corti“, secondo l’esperto bulgaro.

I fossili analizzati dei due esemplari di Graecopithecus freybergi sono costituiti da una mandibola scoperta in Grecia e da un premolare superiore in Bulgaria.

Utilizzando la tomografia computerizzata, i ricercatori sono stati in grado di visualizzare le strutture interne dei due fossili e hanno notato che le radici dei premolari di questa specie erano ben fuse.

Mentre le scimmie antropoidi hanno due o tre radici completamente separate o divergenti, le radici dei (premolari) di Graecopithecus convergono e sono parzialmente fuse, una caratteristica degli umani moderni, degli umani primitivi e di molte altre specie di ominidi“, ha detto il coordinatore dello studio Madelaine Bohme dell’Università di Tubinga.

Inoltre, la mandibola fossilizzata presenta una serie di caratteristiche delle radici dentali che supportano l’ipotesi che si tratti di una specie di ominidi molto primitiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Risolto il mistero dell'aurora su Giove

Gli scienziati sono riusciti a scoprire esattamente come si formano le aurore su Giove. Con ciò, hanno risolto un mistero vecchio di 40 anni, ha annunciato l’agenzia spaziale europea ESA. Sulla Terra, l’aurora viene creata quando particelle cariche elettricamente provenienti dal sole (che raggiungono il nostro pianeta attraverso il vento […]
Risolto il mistero de aurora su Giove