Una cometa piena di alcol scoperta dalla Nasa

PutSolarOn

Con la ricerca condotta con il supporto della Nasa, gli scienziati hanno determinato che la cometa 46P/Wirtanen contiene alti livelli di alcol.

La cometa 46P/Wirtanen stava rilasciando quantità insolite di alcol durante il suo storico transito dalla Terra due anni e mezzo fa. Questa è una delle scoperte più recenti sulla cometa condotta dopo aver osservato 46P/Wirtanen con l’Osservatorio WM Keck a Maunakea, Hawaii.

Una cometa piena di alcol scoperta dalla Nasa
foto@Wikimedia

46P/Wirtanen ha uno dei rapporti alcol-aldeide più alti mai misurati in qualsiasi cometa“, ha affermato Neil Dello Russo, scienziato presso il Laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University e coautore dello studio . “Questo ci fornisce informazioni su come le molecole di carbonio, ossigeno e idrogeno erano distribuite nel primo sistema solare dove si formò Wirtanen“.

I dati dell’Osservatorio Keck hanno anche rivelato una strana caratteristica. Normalmente, mentre le comete orbitano più vicine al Sole, le particelle congelate nei loro nuclei si riscaldano, quindi bollono o sublimano, passando direttamente dal ghiaccio solido al gas, bypassando la fase liquida. Questo processo, chiamato degassamento, provoca il coma. E quindi; Un gigantesco mantello di gas incandescente e polvere si forma attorno al nucleo della cometa. Man mano che la cometa si avvicina al Sole, la radiazione solare rimuove parte della chioma dalla cometa, formandone la coda.

È interessante notare che abbiamo scoperto che la temperatura misurata per il gas d’acqua nel coma non è diminuita in modo significativo con la distanza dal nucleo, il che implica un meccanismo di riscaldamento“, ha affermato la coautrice Erika Gibb, professoressa e capo del Dipartimento di Fisica e Astronomia. .

Gibb dice che ci sono diverse possibili spiegazioni. Uno è che è una reazione chimica in cui la luce solare ionizza alcuni atomi o molecole nel denso coma vicino al nucleo, rilasciando elettroni ad alta velocità. Quando questi elettroni sovraccarichi entrano in collisione con un’altra molecola, possono trasferire parte della loro energia cinetica e riscaldare il gas d’acqua nel coma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Europa è la culla della vita, non più l'Africa

Uno studio pubblicato dalla prestigiosa rivista PLOS One sostiene che l’Europa, non l’Africa, sarebbe la culla dell’umanità. La teoria generalmente accettata dai paleoantropologi è che gli antenati umani si siano separati dalle scimmie circa 7 milioni di anni fa in Africa, dove i loro discendenti sono rimasti per oltre 5 […]
Europa la culla della vita non piu Africa