Ruggine, ecco come rimuoverla al meglio
Ruggine ecco come rimuoverla al meglio

Anche se stiamo molto attenti ai nostri oggetti e manufatti in metallo, capita purtroppo che a contatto con l’acqua questi vengono avvolti da una patina di ruggine che non è sempre semplicissimo rimuovere.

La ruggine non è altro che metallo ossidato: in presenza di acqua, infatti, il ferro perde elettroni, cioè si ossida diventando carico positivamente.

Come di consueto, si dovrebbe giocare di prevenzione ed evitare che la ruggine si formi: il metodo più comune per difendere ferro e acciaio dalla ruggine consiste nell’applicare una vernice protettiva, che isola fisicamente la superficie del metallo dall’aria e dall’umidità.

Ma una volta che purtroppo la ruggine si è formata, come agire?

Innanzitutto la ruggine va sempre tolta perché non è solo un problema estetico: alla lunga, infatti, crea problemi di resistenza e quindi strutturali.

Il metodo più efficace, che però è anche quello più faticoso, è quello della rimozione meccanica.

Bisogna, con olio di gomito, strofinare la superfice con diversi strumenti, che cambiano a seconda del grado della stessa incrostazione: spazzole di ferro di varie dimensioni, carta vetrata di diverse grane, lime e smerigliatrici, trapani con spazzole differenti o spugnetta di metallo.

Se si vuole invece ricorrere ai rimedi naturali, quelli tradizionalmente usati anche dai nostri avi, si può ricorrere all’aceto, al succo di limone, ad un miscuglio di sale e lime, ad una pasta ottenuta col bicarbonato di sodio.

Questi prodotti possono essere usati anche per togliere le macchie di ruggine dai tessuti e dai pavimenti, mentre bisogna usare molta cautela con le superfici in granito, che sono molto delicate e quindi vanno evitati assolutamente i prodotti chimici.

Per pretrattare le macchie di ruggine è utile anche utilizzare una patata tagliata a metà cosparsa di bicarbonato e passarla sulla parte con ruggine.

Se si ha poco tempo e poca pazienza, la soluzione è rappresentata dai prodotti chimici, cloruro stannoso in primis.

Basta bagnare il materiale nella sostanza e lo si lascia in posa per un certo periodo: la ruggine andrà via, ma bisogna fare sempre molta attenzione perché queste sostanze sono tossiche e altamente irritanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like

Energia rinnovabile dalle onde del mare

Energia rinnovabile dalle onde del mare: questo è il futuro delle fonti…

Quanto costano i pannelli fotovoltaici? Panoramica sulle convenienze

Quanto costano i pannelli fotovoltaici? Facciamo una breve panoramica sulle convenienze. Da…

Agricoltura biologica, ecco le sue caratteristiche

Negli ultimi anni l’uomo, dopo aver per secoli devastato la natura e…