Wirtanen, la cometa di Natale già visibile a occhio nudo?
Wirtanen la cometa di Natale gia visibile a occhio nudo

Wirtanen, la cometa di Natale, forse è già visibile a occhio nudo

Sale piano dall’emisfero australe e si sposta verso quello boreale, dove proprio in questi giorni abbiamo la possibilità di vederla anche noi. Si tratta di Wirtanen, la cometa di Natale.

Fra qualche giorno sarà sempre più luminosa e probabilmente per guardarla non saranno indispensabili ausili ottici di sorta.

Questo meraviglioso oggetto celeste con tutta probabilità sarà visibile anche a occhio nudo.

A patto, naturalmente, che abbiamo una vista decente, e che soprattutto andiamo a osservarla in un punto abbastanza lontano dalle luci cittadine e comunque dove l’inquinamento luminoso, il cosiddetto light pollution, non si faccia sentire eccessivamente.

Attualmente si stima che la cometa sia di magnitudine 6/6,5, al limite della visibilità senza un telescopio o un binocolo.

E’ già possibile osservarla, bassa sull’orizzonte, anche alle nostre latitudini, appena sotto la costellazione della Balena, sapendo però che più si trova bassa nel cielo, e meno nitida è la visione, a causa delle distorsioni atmosferiche.

Ma nessuna preoccupazione: verso la metà di dicembre potremo apprezzarla in tutto il suo splendore più in alto, vicino alla Costellazione di Orione e dell’Auriga, in zone di cielo estremamente spettacolari da osservare e da fotografare, dove ci sono ammassi aperti come quello delle Pleiadi e delle Iadi.

Per chi è interessato, ci sarà ovviamente anche la possibilità di fotografarla. In verità con i nostri ordinari cellulari possiamo provarci ma non sarà facile. Bisognerà dare dei tempi di esposizione relativamente lunghi e comunque fissare gli smartphone o simili a un buon cavalletto.

Non molti cellulari sono dotati delle possibilità tecniche richieste per questo tipo di fotografie. Ma possiamo invece provare con una macchina fotografica digitale, fissandola bene a un cavalletto o un treppiede e dando un’esposizione almeno di una ventina o una trentina di secondi.

La macchina fotografica deve essere tarata per il massimo della sensibilità, corrispondente al massimo degli Iso.

Per quel che riguarda l’obiettivo, può andar bene anche un ordinario 50 mm, ma se utilizziamo un 135 o un 200 mm è ancora meglio. Si tenga conto del fatto che maggiore è la lunghezza focale dell’obiettivo e più grande sarà la cometa; tuttavia, parallelamente, l’effetto “mosso” si avvertirà di più, dal momento che le stelle non appariranno puntiformi, ma con piccole strisciate. Questo, però, in ogni caso, non dovrebbe degradare troppo l’immagine, dal momento che l’oggetto da riprendere, cioè la cometa, è in realtà non puntiforme come le stelle, ma a luminosità diffusa, con la sua chioma.

Anche se le stelle saranno riprodotte come piccole strisciate, la cometa sarà apprezzata come un oggetto perfettamente osservabile e valutabile in tutta la sua bellezza. Al momento la Wirtanen ha però un difetto: non presenta una coda; almeno, questa è quasi impossibile da vedere e appena apprezzabile fotograficamente.

Ma non è detto che nei prossimi giorni, anche in relazione all’aumento della luminosità, nella sua corsa verso il Sole, la cometa Wirtanen non ci faccia dono anche della sua coda di polveri.

Attendiamo con ansia. Sapendo che la coda di una cometa non è fatta altro che da pezzi di roccia e ghiaccio (quando ce n’è) che si staccano dal suo nucleo. Comunque, noi siamo pronti a osservarla e fotografarla nella maniera migliore.

Quanto alle osservazioni, telescopi a parte, c’è una maniera molto semplice e alla portata di tutti: un buon binocolo, con le lenti principali di almeno 4 o 5 centimetri di diametro.

Il binocolo va anch’esso fissato rigidamente a un cavalletto, per consentire un’osservazione corretta e agevole dell’oggetto.

Per quel che riguarda la posizione nel cielo, sarà sufficiente scaricare in rete una mappa del percorso della Wirtanen giorno dopo giorno fra le costellazioni. L’individuazione non dovrebbe essere difficile, ma è sempre bene farsi guidare in questa ricerca da una persona esperta.

Giornalista, Consulente tecnico ambientale, Blogger, Webmaster…poeta per passione.

Webmaster presso Comune Di Cassano All’ionio, Giornalista presso Ele ArtWeb e Giornalista Freelance – Ebuzzing & Teads Group e Consiglio Regionale della Campania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like

Stati Uniti: disboscamento nel nome dell’energia rinnovabile

Si può disboscare nel nome dell’energia rinnovabile? Evidentemente si, viste le recenti…

Pannelli solari Viessmann, qualità e vantaggi

Pannelli solari Viessmann, caratteristiche, qualità e vantaggi. Quindi anche gli Italiani si…

Missione Marte, gli astronauti potrebbero essere ibernati

Gli astronauti potrebbero essere sottoposti ad un processo di ibernazione durante le…