Oumuamua: Ancora teorie sull’origine aliena

PutSolarOn

Il corpo celeste Oumuamua, scoperto per la prima volta nel 2017, rimane oggetto di controversie. Sono state condotte nuove ricerche su Oumuamua, che è stato identificato come il primo visitatore interstellare del Sistema Solare.

Nella ricerca, è stato affermato che Oumuamua, che significa scout in lingua hawaiana, che ha una forma distintiva, si presenta naturalmente. Secondo l’autore principale dell’articolo, Stephen Curran, è improbabile che Oumuamua sia stato creato da qualcun altro. Curran sostiene che Oumuamua non è abbastanza veloce o utile per essere una navicella spaziale.

Oumuamua Ancora teorie origine aliena
foto@Wikimedia

Oumuamua, che pesa circa 40 tonnellate, è persino più lento dei veicoli sviluppati sulla Terra. Tuttavia, sebbene lo studio offra molte tesi su ciò che Oumuamua non è, non riesce a sviluppare una spiegazione per ciò che è.

Avi Loeb, che lavora all’Università di Harvard a Cambridge, negli Stati Uniti ed è un collaboratore del famoso fisico Stephen Hawking, ha affermato che gli alieni hanno visitato la Terra nel 2017.

Ha spiegato le sue teorie nel suo libro intitolato “The First Sign of Intelligent Life Beyond the Earth“, Loeb ha affermato che un oggetto interstellare è stato rilevato nel sistema solare circa cinque anni fa, che era una tecnologia aliena.

Oumuamua è una navicella spaziale?

L’oggetto rilevato da altri scienziati nel 2017 si chiamava “Oumuamua, e che si diceva che l’oggetto fosse una cometa, una montagna di idrogeno e un meteorite, Loeb ha affermato che l’oggetto questi, e che il corpo celeste era un oggetto extraterrestre.

Per quanto riguarda ‘Oumuamua’, che è stato scoperto per la prima volta nel 2017 ed è stato il primo oggetto rilevato fuori dal Sistema Solare, Loeb ha detto: “Ci sono scienziati che cercano di spiegare alcune caratteristiche di Oumuamua, ma potrebbero esserci cose che non conosceremo mai di questo oggetto.

Il professor Avi Loeb, che ha ripetutamente sottolineato che gli alieni visitano la Terra, affermando che: “La maggior parte delle stelle nella galassia sono stelle nane. La maggior parte delle stelle ha circa un decimo della massa del sole e sono due volte più fredde del sole, quindi sono rosse“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

I detriti spaziali hanno bucato la Stazione Spaziale

Un piccolo frammento di detriti spaziali ha perforato il Canadarm2, creando un notevole foro nel dispositivo robotico, come ha rivelato l’Agenzia spaziale canadese in un comunicato. Il CSA lo definisce un “colpo di fortuna”, poiché Canadarm2, attaccato alla Stazione Spaziale Internazionale, continua a funzionare nonostante il buco. L’orbita terrestre bassa […]
I detriti spaziali hanno bucato la Stazione Spaziale