Caldaia a condensazione: come funziona vantaggi e svantaggi

PutSolarOn

Quando si parla di caldaia a condensazione, alcuni acquirenti anche oggi sono perplessi nella scelta perchè non conoscono questa tecnologia.

Caldaia a condensazione come funziona vantaggi e svantaggi

La caldaia a condensazione cos’è

Un’unità di riscaldamento a condensazione è un dispositivo basato sul principio della condensazione: l’energia termica è ottenuta non solo dalla combustione del carburante blu, ma anche dal processo di modifica dello stato di aggregazione dell’acqua, dal vapore formato durante la combustione del gas in liquido.

Le unità che funzionano secondo questo principio sono più economiche: hanno un’efficienza maggiore (104% o più) rispetto alle tradizionali caldaie a gas a convezione (90-97%).

Come le classiche caldaie, sono monocircuito (solo per il riscaldamento) e doppio circuito (riscaldamento e acqua calda), differiscono per potenza, quindi vengono selezionate in base alla superficie e al fabbisogno termico dell’ambiente.

Come funziona una caldaia a condensazione

Quando il gas naturale viene bruciato, vengono rilasciati anidride carbonica e acqua (vapore). Le caldaie classiche non usano questo vapore: insieme ai prodotti della combustione, viene rimosso durante il percorso attraverso al canna fumaria.

Nella condensazione, il vapore caldo si trasforma in acqua e cede il suo calore al liquido di raffreddamento dell’impianto di riscaldamento.

Una caldaia convenzionale è costituita da una camera di combustione (con bruciatore per la combustione del gas), uno scambiatore di calore, un ventilatore dell’aria, una pompa di circolazione e un camino per rimuovere i prodotti della combustione dall’ambiente.

La camera di condensazione dispone di ulteriori apparecchiature per l’estrazione dell’energia termica dal vapore acqueo: una camera di post-raffreddamento con scambiatore di calore secondario, una vasca di raccolta della condensa. Pertanto, si ottiene un’efficienza del 100-111%.

Vantaggi e svantaggi di una caldaia a condensazione

Le moderne apparecchiature che funzionano secondo il principio della condensazione stanno rapidamente guadagnando popolarità grazie principalmente ai vantaggi e agli incentivi.

Tra i vantaggi della condensazione è che l’unità è in grado di risparmiare fino a 1/3 di gas naturale per stagione lavorativa, il che, di conseguenza, riduce di un terzo il costo del riscaldamento e della fornitura di acqua calda.

Poiché l’apparecchiatura utilizza il vapore per riscaldare il liquido di raffreddamento, una parte significativa dei prodotti della combustione passa in condensa e non viene rilasciata nell’atmosfera, abbiamo la piena compatibilità ambientale.

Si può prevedere di installare il riscaldamento a pavimento, una caldaia a condensazione è perfetta come generatore di calore per esso, oltre che per un tradizionale impianto a radiatori.

Tra gli svantaggi abbiamo: costi più elevati e una necessità maggiore di smaltire la condensa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

La toelettatura del tuo cane in pochi e semplici passaggi

Ti sei finalmente deciso a compiere il grande passo e stai per prendere un cane. Che abbia deciso di salvarne uno dalla triste vita in canile, di acquistarlo vendendolo nella vetrina di un negozio di animali o di optare per una razza precisa rivolgendoti ad un allevamento qualificato, sarà sempre […]
Ti sei finalmente deciso a compiere il grande passo e stai per prendere un cane. Che abbia deciso di salvarne uno dalla triste vita in canile, di acquistarlo vendendolo nella vetrina di un negozio di animali o di optare per una razza precisa rivolgendoti ad un allevamento qualificato, sarà sempre una delle scelte più importanti della tua vita, che cambierà totalmente. Per arrivare pronto al grande giorno, dovrai pensare a diverse cose che serviranno al tuo cucciolo: la cuccia, trovare un veterinario di fiducia che se ne prenda cura con attenzione, il cibo giusto consigliato dallo specialista, qualche giochino e raccogliere informazioni su come gestire la toelettatura del tuo cane, dalla spazzolatura ad ogni piccola zona che spesso i padroni dimenticano e se trascurate possono portare a spiacevoli infezioni difficili da curare. Capita spesso che i proprietari inesperti abbiano dubbi e domande sulle modalità di lavaggio e gli strumenti necessari per mantenere pulito il proprio cane, quindi in questo articolo ti forniamo un elenco di tutto il necessario per prenderti cura del suo mantello. Spazzolare il tuo cane Proprio come le chiome degli umani, anche il pelo del cane necessita una spazzolatura regolare, sia per mantenere il pelo in ordine ed evitare la formazione di nodi indistricabili, sia per rimuovere i residui di sporco accumulatisi durante le passeggiate o in giardino. Per spazzolare il tuo cane, parti dalla zona del collo, per spostarti poi sul resto del corpo e senza dimenticare il dorso, la coda e le zampine. Una zona a cui prestare particolare attenzione è quella dell’addome, perché estremamente delicata. Se il tuo cane ha il pelo lungo sarà necessario spazzolarlo ogni giorno utilizzando strumenti specifici, tra cui un pettine a rastrello o una spazzola cardatrice; se invece hai un cane a pelo corto, ricordati di spazzolarlo almeno una volta alla settimana usando una spazzola con i denti in plastica, un guanto apposito o una striglia di gomma. Se ti accorgi che ci sono nodi impossibili da sciogliere, niente paura e prendi un paio di forbici per toelettatura cani, da avere sempre a portata di mano per ogni evenienza. I piccoli dettagli Spesso vengono trascurati, ma in molti casi sono proprio i dettagli ad essere importanti. Nel caso della toelettatura del cane, bisogna ricordarsi sempre di pulire alcune zone particolari. Pulire gli occhi del cane Ad esempio, la zona perioculare deve essere trattata con una garza inumidita d’acqua e strizzata, in modo da rimuovere tutte le secrezioni ed evitare brutte congiuntiviti ed eventuali altre infezioni. Sconsigliata per questa zona è l’ovatta, perché qualche fibra potrebbe rimanere incastrata nel pelo e fare infezione. La pulizia delle orecchie Anche le orecchie hanno la loro importanza nella pulizia del cane per mantenerle sane. Per prendertene cura, usa un batuffolo di cotone e immergilo nella soluzione disinfettante che ti ha consigliato il tuo veterinario, poi strizzalo bene e tampona con delicatezza il padiglione auricolare, senza andare troppo in profondità o esercitare molta pressione. Ricordati di pulire regolarmente le orecchie del tuo cane, in modo da rimuovere sia il cerume che le tracce di sporcizia che si accumulano naturalmente. Tagliare le unghie al cane Infine, anche le unghie del cane vanno curate per garantire la salute dell’animale, infatti una lunghezza eccessiva può portare a danni delle articolazioni o alterazioni della postura. Capirete che è arrivato il momento di tagliare le unghie del vostro cane quando toccano il suolo, quindi prendete una tronchesina e state attenti a non danneggiare la “polpa” dell’unghia accorciandole piano piano, un millimetro per volta, altrimenti sanguinerà e dovrete correre dal vostro veterinario per risolvere la situazione.