La guerra in Ucraina accelera il percorso delle energie rinnovabili

PutSolarOn

Non ci è voluto molto tempo dallo scoppio della guerra in Ucraina, per rendersi conto di quanto fosse vulnerabile l’Europa rispetto agli idrocarburi russi.

Ciò è stato ben illustrato dalla crisi del gas iniziata lo scorso anno, che ha innescato movimenti di mercato che gli Stati membri non potevano controllare.

In un’introduzione al Club della stampa di One and a Half Degrees, Peter Vigh ha affermato che la guerra ha fornito nuovi argomenti morali e di sicurezza nazionale a favore dell’eliminazione della dipendenza russa dal gas il prima possibile.

La guerra in Ucraina accelera il progetto delle energie rinnovabili

Alla luce di ciò, è particolarmente sorprendente che dall’inizio della guerra, gli Stati membri dell’Unione Europea abbiano acquistato dalla Federazione Russa oltre 9 miliardi di euro di combustibili fossili mentre cercavano sanzioni per costringere Vladimir Putin a porre fine alla sua aggressione.

La discrepanza si spiega con il fatto che copre in media il 40% del fabbisogno di gas dell’Unione e il 26% del suo petrolio greggio proveniente dalle importazioni russe.

Il grado di dipendenza varia ovviamente da uno Stato membro all’altro.

L’Unione in precedenza voleva sbarazzarsi del gas e del petrolio russi entro il 2030, ma il 2027 era già all’ordine del giorno nella riunione di Versailles dell’11 marzo.

E secondo le ultime notizie, l’Unione Europea, dopo Stati Uniti e Gran Bretagna, sta già valutando di imporre un embargo petrolifero completo alla Russia. Tuttavia, nessuna decisione del genere è stata ancora presa.

La considerazione non è casuale. Finora non ci sono vere alternative che supportino anche la lotta al cambiamento climatico.

Secondo un rapporto pubblicato la scorsa settimana dall’Istituto Eclaeron con sede a Berlino, ci sono una serie di ostacoli alla più ampia diffusione delle energie rinnovabili nell’UE, dalle difficoltà amministrative ai problemi tecnologici alla carenza di professionisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Come evitare di dipendere dagli idrocarburi russi

Che si tratti di rifornimento o riscaldamento, la situazione attuale mostra chiaramente che la guerra in Ucraina sta colpendo anche l’approvvigionamento energetico dell’Europa. La Germania sta cercando una soluzione a questo, che le fonti rinnovabili potrebbero sostituire. I paesi europei stanno affrontando una situazione sempre più difficile in connessione con […]
Come evitare di dipendere dagli idrocarburi russi