Google Play Store rimuove ben 150 app malevole

PutSolarOn 1

La società di sicurezza informatica Avast ha rivelato l’ennesima truffa che ha coperto milioni di utenti Android. In tutto sono 151 le applicazioni mascherate che Google ha prontamente rimosso dal Play Store.

Lo schema è stato soprannominato da Avast come “UltimaSMS” e consisteva in una campagna per abbonarsi a servizi a pagamento tramite SMS.

Sebbene Google li abbia già rimossi dal Play Store, se ne hai uno installato sul tuo smartphone, rimarrà lì finché non lo rimuovi.

L’elenco delle applicazioni è lungo e può essere consultato integralmente sulla piattaforma GitHub . Per facilitare il processo di valutazione del rischio, abbiamo elencato di seguito quelli che si sono rivelati più popolari.

Le applicazioni rilevate da Avast si travestono da strumenti legittimi per l’installazione del tuo smartphone. Possono apparire sul Play Store come editor di foto, filtri per fotocamere, giochi o lettori di codici QR.

A prima vista, sono visti dagli utenti meno attenti come strumenti legittimi che aggiungeranno valore al proprio smartphone.

Google Play Store rimuove ben 150 app malevole

Tuttavia, una serie significativa di commenti negativi a loro è il segnale di avvertimento che ci impedisce di questi schemi.

L’obiettivo è che l’utente si abboni a un abbonamento mensile senza rendersene conto

Una volta installato su uno smartphone, il primo passo è raccogliere il numero IMEI, la posizione, il numero di contatto, il prefisso internazionale e la lingua.

Quando apri l’applicazione per la prima volta, ti verrà chiesto di inserire il tuo numero di contatto o la tua email.

Con questi dati, lo schema procede iscrivendo gli utenti a un servizio premium senza che se ne rendano conto. Successivamente verranno addebitate tariffe che possono raggiungere i 35€ mensili di addebito settimanale.

Una volta qui, gli utenti inizieranno a rendersi conto di cosa è successo solo quando il loro saldo diminuisce senza una ragione apparente.

La situazione potrà ancora essere svelata quando l’app in questione smetterà di funzionare sullo smartphone.

Per aumentare il loro raggio di influenza, queste applicazioni sono in grado di diffondersi attraverso social network come Facebook, Instagram o TikTok.

Un veicolo attraente a causa della scarsa schermatura di queste piattaforme per questo tipo di schema.

One thought on “Google Play Store rimuove ben 150 app malevole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Sono molte le aziende che credono nel progetto Meta di Zuckerberg

A fine ottobre, Facebook ha annunciato il cambio del suo nome in Meta, come allusione al metaverse. La spiegazione più semplice e concisa sul nuovo progetto di Mark zuckerberg è che si tratta di un universo virtuale in cui le persone interagiranno attraverso avatar, dove il mondo reale e quello […]
Sono molte le aziende che credono nel progetto Meta di Zuckerberg