Cannabis in Italia: come viene utilizzata nel campo tessile
Cannabis in Italia come viene utilizzata nel campo tessile

Da abbigliamenti sportivi, a vestiti, fino a borse. La Cannabis in Italia viene spesso utilizzata per dar vita ad abiti più resistenti e nel rispetto della natura. Una pratica che era, però, già largamente diffusa anche in passato, con lo svilupparsi del commercio

Utilizzata per realizzare mix di tessuti, la Cannabis in Italia è diventato uno degli elementi più utilizzati nell’industria tessile. Dalla cannabis legale è possibile, infatti, realizzare fibre tessili per produrre magliette, vestiti, borse e persino indumenti invernali. Una nuova riscoperta, sebbene l’utilizzo della cannabis light era già molto diffuso fin dall’antichità. Dapprima in Oriente quando Giappone e Cina, nel primo millennio, producevano carte e tessuti di Cannabis light. In Europa non solo l’Inghilterra produsse coltivazioni fin dal 15° secolo, ma in Italia divenne una consuetudine realizzare cordame, vele e indumenti con lo svilupparsi delle repubbliche marinare e la diffusione del commercio. L’utilizzo della marijuana legale in Italia rimase molto utilizzata, ma con il proibizionismo del 1937 si ebbe un crollo quasi totale: quando con la Marijuana Tax di Roosvelt si vietò il commercio, la diffusione e coltivazioni della cannabis. Il decreto prese piede in tutti i continenti ed ebbe una durata pari a più di quarant’anni. Con il decadere delle limitazioni nel corso degli anni, ad oggi la cannabis sativa è la pianta più utilizzata per realizzare tessuti. Oggigiorno è anche facile trovarla sul web, basta scrivere cannabis legale online in Italia ed usciranno molti portali dedicati allo shop.

Cannabis light e la lavorazione più economica
Libera da principi psicoattivi, la canapa “da tiglio” (con più legnina) viene raccolta e ne vengono eliminati semi, stoppa e la parte più difficile da lavorare. Macerati e sfibrati, donano una fibra tessile incolore ma più resistente rispetto al cotone, al lino o alla lana. Inoltre, può essere anche aggiunta, anche in piccole percentuali, a mix di cotone, elasteni o alla stessa lana per rendere l’indumento resistente ma anche termo equilibrante adatto ad ogni varietà di vestiario: dagli abiti eleganti agli indumenti agonistici e per sport invernali. È così che la marijuana legale italiana è diventata uno dei materiali per gli indumenti eco green all’insegna dell’ambiente e della natura. Questo perché la fibra della marijuana light legale, può essere lavorata bene e in poche fasi, producendo una trama molto forte e robusta in grado di resistere più a lungo degli altri tessuti.

La cannabis legale viene difatti trattata meno rispetto al cotone prima di realizzare i tessuti: inoltre non richiede molti pesticidi e/o prodotti fertilizzati durante la sua crescita. Un dettaglio che viene preso in considerazione dalle industrie come un grosso un dispendio economico, anzi: la cannabis legale in Italia è in grado di essere nuovamente trapiantata senza ulteriori trattamenti e rifacendo lo stesso ciclo di crescita senza cali di produzione. Un lavoro meno industrializzato, stoffe più efficaci, eludono ulteriore inquinamento per ciò che concerne l’ambiente e migliora di gran lunga anche l’economia.

You May Also Like

Sony porta l’aria condizionata nelle magliette

Siete tra quelli che proprio non sopportano il grande caldo? Amate così…

Luna, lo sapete che ne vediamo sempre la stessa faccia?

Una curiosità che molti ancora non sanno: la Luna, il Satellite della…

Argento, ecco come pulirlo senza detergenti aggressivi

Nelle nostre case abbiamo una miriade di prodotti differenti, per pulire i…