VIA: ecco di cosa si tratta

PutSolarOn

Un tempo, quando la legge era più “permissiva”, all’interno della propria proprietà si potevano realizzare qualsiasi tipo di nuova opera o struttura, con l’unico limite di attenersi a fini leciti.

Oggi, invece, è tutto più complesso e la stessa normativa vigente in Italia prevede numerosi limiti ed autorizzazioni da richiedere, per poter realizzare qualsiasi opera.

Nello specifico, tra le altre cose bisogna ottenere la VIA: di cosa si tratta?

La Valutazione di Impatto Ambientale è una procedura tecnico-amministrativa che ha lo scopo di individuare, descrivere e valutare, in via preventiva alla realizzazione delle opere, gli effetti sull’ambiente, sulla salute e benessere umano di determinati progetti pubblici o privati.

La valutazione sulla compatibilità ambientale di un determinato progetto è svolta dalla pubblica amministrazione, che si basa sia sulle informazioni fornite dal proponente del progetto, sia sulla consulenza data da altre strutture della pubblica amministrazione, sia sulla partecipazione della cittadinanza e dei gruppi della società civile.

Il committente deve quindi inoltrare all’autorità competente una apposita domanda allegando il progetto, lo studio di impatto ambientale e la sintesi non tecnica: tutti questi documenti devono essere sottoposti all’attenzione dei vari soggetti coinvolti, che dovranno esprimersi entro 60 giorni dal ricevimento della domanda.

foto@Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

La Gran Bretagna deve fare i conti con la tempesta Dennis

L’Italia sta vivendo un febbraio a dir poco mite, con temperature ben al di sopra della media, in un lunghissimo autunno che sembra non voler lasciare spazio alle temperature invernali tipiche del periodo. Ma ben diversa è la situazione in Gran Bretagna, che proprio in questi giorni è alle prese […]
La Gran Bretagna deve fare i conti con la tempesta Dennis