Calamite, non fanno venire affatto il tumore

PutSolarOn

Non è certo la prima volta che si siamo imbattuti o ci siamo trovati a parlare di “fake news”, notizie più o meno verosimili ma che invece sono inventate di sana pianta, per attirare qualche click e soprattutto per provocare scompiglio in rete.

E l’ultima salita alla ribalta ne ha portato di scompiglio: la notizia incriminata riferiva infatti che le calamite possono provocare il cancro.

Una notizia non da poco: del resto chi di noi, di ritorno da un viaggio, non ha attaccato una calamita al proprio frigo e quanti di noi possono dire di non averne mai ricevuta una in dono?

Per fortuna si tratta di una bufala, anche se ben orchestrata, e a confermarlo è l’Istituto Superiore della Sanità, la cui parola non può certo essere messa in dubbio quando si parla salute e benessere.

La falsa notizia ha origine negli Stati Uniti e fa riferimento a una ricerca dell’Università di Princeton, appunto, mai esistita. Sono al contrario diversi gli studi scientifici che testimoniano come le calamite non possano provocare dei tumori, ma che i pericoli si nascondono in ben altri luoghi.

Gli esperti hanno quindi invitato a considerare che siamo esposti tutti i giorni alle radiazioni elettromagnetiche provenienti sia dall’ambiente naturale sia dall’ambiente artificiale in cui viviamo ma fortunatamente i livelli di esposizione a cui siamo sottoposti sono troppo bassi per causare il riscaldamento dei tessuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Rotazione delle colture, modo intelligente per salvaguardare la fertilità della terra

Anche se non avete un pollice troppo verde, ma avete un pezzo di terra a disposizione, magari dietro casa, dove potete prendervene cura stagione dopo stagione, potete provare a fare un piccolo esperimento: piantare una sola tipologia di coltura e ripetere la medesima semina, raccolto dopo raccolto. Che siano patate […]
Rotazione delle colture modo intelligente per salvaguardare la fertilita della terra