OSIRIS-REx si perde i pezzi dell’asteroide Bennu

PutSolarOn

Il veicolo esplorativo OSIRIS-REx della NASA ha fatto troppo bene il suo lavoro. È stato inviato sull’asteroide Bennu, volando a oltre 320 milioni di chilometri da noi, per prelevare campioni e riportarli sulla Terra. Il braccio robotico del velivolo ha afferrato troppo materiale dalla superficie dell’asteroide, provocando l’inceppamento del coperchio del vano portaoggetti. Ora campioni del materiale dell’asteroide stanno lentamente volando nello spazio.

Siamo vittime del nostro stesso successo“, afferma Dante Lauretta, Principal Investigator per la missione OSIRIS-REx, dell’Università dell’Arizona (USA).

La missione di OSIRIS-REx è fornire campioni di materiale asteroide sulla Terra affinché gli scienziati possano studiarli in laboratorio. Ma dal momento che OSIRIS-REx “ha morso più di quanto potrebbe ingoiare“, scienziati e tecnici stanno ora cercando di capire come chiudere il portello di stoccaggio in modo che la nave non perda troppo materiale prezioso sulla via di casa.

Il filmato pubblicato mostra che il portello è leggermente aperto di un centimetro e minuscole particelle dell’asteroide si librano nello spazio accanto al veicolo.

La buona notizia è che OSIRIS-REx sembra aver assorbito molto più materiale del necessario. Gli scienziati volevano raccogliere 60 grammi di roccia e le immagini della sonda mostrano che OSIRIS-REx ha catturato apparentemente circa 400 grammi. Si tratta di pietre di diverse dimensioni e alcune di esse sono così grandi da non consentire la chiusura del portello della navicella.

Gli ingegneri ritengono che le pietre stiano volando fuori dal deposito troppo velocemente. Ad esempio, ieri hanno stimato che siano andati persi tra 1 e 10 grammi di materiale. Ciò è accaduto a causa dei tentativi di spostare il manipolatore del portello in modo che si chiudesse. I tentativi verranno fatti più e più volte: è meglio salvare almeno qualcosa piuttosto che aspettare che tutti i materiali scompaiano nell’oscurità dello spazio o brucino nell’atmosfera terrestre al momento dell’atterraggio.

Sono assolutamente sicuro che tutto andrà a buon fine – abbiamo oltre 60 grammi di materiale che abbiamo promesso a Thomas e all’agenzia, e lo consegneremo“, ha detto Lauretta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Novembre, eclissi lunare e pioggia di meteoriti

Il mese di novembre vedrà due sciami di meteoriti e un’eclissi lunare abbellire i cieli. La pioggia di meteoriti delle Tauridi settentrionali lambirà la nostra atmosfera l’11 e il 12 novembre, secondo EarthSky. Si prevede anche che l’evento produrrà circa cinque meteore all’ora, ma la pioggia è famosa per le sue […]
Novembre eclissi lunare e pioggia di meteoriti