Scoperto il gemello di Giove, grazie a Kepler

PutSolarOn

Anche se il telescopio spaziale Kepler della NASA non è in funzione da quattro anni, è ancora in grado segnalare nuove scoperte.

L’agenzia spaziale statunitense ha chiuso il telescopio spaziale Kepler nel 2018, ma un team internazionale di astrofisici ha scoperto un esopianeta simile a Giove, situato a circa 17.000 anni luce dalla Terra, utilizzando le osservazioni della struttura, come riporta il portale Phys.org.

L’esopianeta, ufficialmente chiamato in codice K2-2016-BLG-0005Lb, è stato individuato sulla base dei dati registrati da Kepler nel 2016.

Il telescopio spaziale ha svolto un lavoro eccellente, in quanto è stato in grado di identificare più di 2.700 pianeti extrasolari durante il suo ciclo di vita.

Scoperto il gemello di Giove grazie a Kepler

Il dottorando dell’Università di Manchester David Specht e colleghi hanno utilizzato un fenomeno chiamato microlensing gravitazionale per rilevare ciò che la teoria della relatività di Albert Einstein prevedeva, ovvero che gli oggetti nello spazio esterno diventano più visibili e studiabili quando un corpo celeste si avvicina a una luce, quindi lo zoom è disponibile .

Sperando di poter rilevare un esopianeta utilizzando la luce distorta di una stella lontana, il team di ricerca si è concentrato per tre mesi sulla regione del cielo in cui si trovava il pianeta in questione.

A parte il fatto che l’esopianeta è stato scoperto con uno strumento che è praticamente fuori uso, il lavoro del team è notevole anche perché Kepler non è stato originariamente progettato per identificare oggetti così distanti usando un metodo di microlenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

La guerra in Ucraina accelera il percorso delle energie rinnovabili

Non ci è voluto molto tempo dallo scoppio della guerra in Ucraina, per rendersi conto di quanto fosse vulnerabile l’Europa rispetto agli idrocarburi russi. Ciò è stato ben illustrato dalla crisi del gas iniziata lo scorso anno, che ha innescato movimenti di mercato che gli Stati membri non potevano controllare. […]
La guerra in Ucraina accelera il progetto delle energie rinnovabili