Missione Marte, gli astronauti potrebbero essere ibernati
Missione Marte gli astronauti potrebbero essere ibernati

Gli astronauti potrebbero essere sottoposti ad un processo di ibernazione durante le missioni su Marte, processo che servirebbe oltre a proteggerli dalle radiazioni spaziali a risparmiare cibo e acqua

L’Ibernazione umana potrebbe essere utilizzata per preservare gli astronauti durante i lunghi viaggi.

Farebbe abbassare il metabolismo di un astronauta, riducendo il bisogno di cibo e acqua e tale tecnica potrebbe essere utilizzata per trattare persone con gravi malattie sul nostro pianeta.

Gli astronauti potrebbero un giorno essere sottoposti ad un processo di ibernazione artificiale per viaggi nello spazio profondo come ad esempio su Marte e oltre, lo confermano gli stessi scienziati.

Questo “letargo umano” ridurrebbe il fabbisogno di cibo e di acqua e potrebbe persino proteggere l’equipaggio a bordo dalle pericolose radiazioni spaziali.

La tecnica potrebbe un giorno essere utilizzata anche per trattare le persone con gravi malattie qui sulla Terra, hanno affermato gli scienziati.

Gli scienziati hanno discusso il potenziale della tecnologia in una conferenza medica a New Orleans la scorsa settimana.

La teoria è che un equipaggio ibernato è tenuto in vita per vaste distanze cosmiche, riducendo la necessità di portare con sé enormi scorte di cibo e acqua.

Ciò significa che i veicoli spaziali non devono essere così grandi e le missioni diventerebbero meno costose, inoltre gli astronauti non dovrebbero sostenere il tempo enorme del viaggio mentre attraversano lunghe distanze spaziali.

Gli esseri umani non vanno in letargo come orsi e altri animali quando il cibo scarseggia e le temperature basse.

Questi animali sopravvivono entrando in letargo, un processo fisiologico che riduce il loro normale metabolismo a livelli bassi per giorni o intere settimane alla volta.

Questi periodi di basso metabolismo, noto come torpore, consentono alla temperatura corporea dell’animale di scendere appena sopra la temperatura dell’aria circostante, risparmiando così energia.

Gli esseri umani non subiscono naturalmente il torpore, ma gli scienziati sono interessati all’idea di produrre stati di torpore “sintetico” per il volo spaziale e per curare malattie gravi.

Il dottor Matthew Regan, docente post-dottorato presso la Scuola di Medicina Veterinaria dell’Università del Wisconsin, ha spiegato:

Il torpore sintetico potrebbe proteggere gli astronauti dai pericoli per la salute legati allo spazio e contemporaneamente ridurre le richieste di capacità di massa, volume e potenza del veicolo spaziale.

Il simposio ha esplorato il modo in cui il torpore sintetico potrebbe essere indotto dal cervello, le sue somiglianze e le sue differenze nel sonno e in che modo potrebbe giovare agli astronauti.

Studiare il letargo nei mammiferi può anche aiutare il trattamento di persone che hanno esperienza di eventi medici traumatici, come ictus, arresto cardiaco e grave perdita di sangue.

Gli animali che usano il torpore hanno una naturale resistenza a varie lesioni che possono verificarsi a causa della mancanza di flusso sanguigno.

Sono anche resistenti alle lesioni da radiazioni e studiarli a fondo potrebbe aiutare a proteggere gli astronauti dalle radiazione spaziale.

La professoressa Hannah Carey dell’Università del Wisconsin ha affermato che il torpore sintetico basato sulla biologia degli ibernatori naturali era preferibile alle attuali pratiche mediche che usano metodi basati sull’ipotermia per trattare pazienti traumatizzati.

E studiare lo stato di ibernazione potrebbe essere la chiave su come creare un torpore sintetico per i viaggi nello spazio.

Tuttavia, il modo in cui il sistema nervoso riduce l’attività metabolica durante il torpore rimane sconosciuto.

Assistente Professore di Fisiologia Il dott. Matteo Cerri dell’Università di Bologna in Italia ha spiegato che molti degli organi che regolano il metabolismo sono controllati da cellule nervose (neuroni) situate in un’area del tronco cerebrale che controlla la produzione di calore nei mammiferi.

Il professor Cerri ha aggiunto: “Perché un animale entri nel torpore, i neuroni all’interno di quest’area cerebrale devono essere inibiti”

Se la funzione in queste cellule non viene soppressa, la loro attività contrasterà l’ipotermia indotta dal torpore.

Contenuti pubblicati dalla redazione di PutSolarOn, sono contenuti scritti a più mani e vengono firmati direttamente dalla redazione del portale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like

Perturbazione artica porta con se l’inverno

Si potrebbe dire che il freddo ci ha lasciato veramente per poco…

Renault K-ZE la concept car elettrica parte dalla Cina

Concept car K-ZE della Renault prevede l’anteprima della Kwid elettrica, che verrà…

Nella Cina orientale scoperte sostanze chimiche vietate per l’ozono

Sono state segnalate nuove ubicazioni di fonti di sostanze chimiche vietate per…