Nella Cina orientale scoperte sostanze chimiche vietate per l’ozono
Nella Cina orientale scoperte sostanze chimiche vietate per ozono

Sono state segnalate nuove ubicazioni di fonti di sostanze chimiche vietate per l’ozono

Altre prove dall’Università di Bristol identificano la Cina orientale come la fonte di un aumento dei livelli di emissioni di tetracloruro di carbonio che impoveriscono l’ozono, un composto vietato nel 2010.

Nel maggio 2018 , un gruppo di scienziati ha sollevato il problema, avvertendo che un aumento inaspettato e persistente delle sostanze chimiche che distruggono l’ozono, chiamate clorofluorocarburi (CFC), era stato documentato.

Nello studio del maggio 2018, condotto da ricercatori dell’amministrazione nazionale oceanica e atmosferica degli Stati Uniti, con l’aiuto di scienziati nei Paesi Bassi e nel Regno Unito, è stato determinato che il probabile aumento dei CFC era dovuto alla produzione non dichiarata, già precedentemente vietato nel 1987 dal Protocollo di Montreal.

Come risultato del Protocollo di Montreal, il mondo ha accettato di porre fine alla produzione di composti CFC-11, comunemente usati come refrigeranti, spray aerosol e presenti nel vecchio polistirolo, da attivarsi entro tutto il 2010.

Lo Studio dell’Università di Bristol

Tuttavia, secondo un nuovo studio complementare, i ricercatori hanno scoperto che le emissioni globali non sono diminuite come previsto.

Si prevede che la produzione di CFC dovrebbe essere ormai prossima a zero. Tuttavia, il più lento del previsto tasso di diminuzione del tetracloruro di carbonio nell’atmosfera dimostra che questo non è il caso, con circa 40.000 tonnellate ancora emesse ogni anno.

Si ritiene che la fonte esatta delle emissioni provenga dall’Asia orientale. Con la collaborazione di Corea del Sud, Svizzera, Australia e Stati Uniti, i ricercatori dell’Università di Bristol miravano a quantificare le emissioni dall’Asia orientale.

I loro risultati sono stati pubblicati sulla rivista Geophysical Research Letters nel settembre 2018.

I risultati dello studio mostrano circa la metà delle emissioni globali “mancanti” di tetracloruro di carbonio originate dalla Cina orientale tra il 2009 e il 2016, secondo i ricercatori.

L’autore principale, il dott. Mark Lunt, della School of Chemistry dell’Università di Bristol, ha dichiarato:

I nostri risultati mostrano che le emissioni di tetracloruro di carbonio provenienti dalla regione dell’Asia orientale rappresentano gran parte delle emissioni globali e sono significativamente più grandi di quanto alcuni studi precedenti abbiano suggerito.

Non solo“, ha aggiunto, “ma nonostante l’eliminazione graduale della produzione di tetracloruro di carbonio per l’uso emissivo nel 2010, non abbiamo trovato prove di una successiva riduzione delle emissioni“.

E ci sono prove di una nuova fonte di emissioni provenienti dalla provincia cinese dello Shandong dopo il 2012. C’è anche la possibilità che il tetracloruro di carbonio venga rilasciato inavvertitamente nella produzione di altre sostanze chimiche, come il gas di cloro.

Il Dr. Matt Rigby, Reader in Atmospheric Chemistry presso l’Università di Bristol e co-autore, ha dichiarato:

Il nostro lavoro mostra la posizione delle emissioni di tetracloruro di carbonio, ma non conosciamo ancora i processi o le industrie responsabili, importante perché non sappiamo se viene prodotto intenzionalmente o inavvertitamente.

Ha anche aggiunto: “Ci sono aree del mondo come l’India, il Sud America e altre parti dell’Asia, dove le emissioni di gas dannosi per l’ozono possono ancora essere in corso, ma mancano misure atmosferiche dettagliate“.

Potrebbe essere che siamo diventati compiacenti, pensando che il problema con i gas che riducono lo strato di ozono sia stato risolto, ma questo studio ci dice che dobbiamo monitorare continuamente la nostra atmosfera per assicurare la graduale eliminazione di queste sostanze chimiche, afferma il dott. Lunt.

fonte@DigitalJournal.com

Contenuti pubblicati dalla redazione di PutSolarOn, sono contenuti scritti a più mani e vengono firmati direttamente dalla redazione del portale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like

Antartide, le foreste di muschio stanno morendo

Le cosiddette foreste di muschio dell’Antartide si stanno essiccando e stanno progressivamente…

Cancro e forno a microonde, esiste davvero una correlazione?

Il forno a microonde davvero aumenta il rischio di cancro? Secondo l’Associazione…

Cimice asiatica: come difendersi e sigillare la propria casa

Il tempo più mite è stato bello per tutti, ma quello che…