Stati Uniti: disboscamento nel nome dell’energia rinnovabile

Si può disboscare nel nome dell’energia rinnovabile? Evidentemente si, viste le recenti statistiche che riguardano le zone umide degli Stati Uniti orientali che stanno man mano “prosciugando” tutte le foreste.

Come riferisce un articolo del portale psmag.com, le foreste delle zone umide sono state prosciugate, bruciate e letteralmente spedite attraverso l’Atlantico per essere convertite in piantagioni di pino monoculturale per creare biomassa.

Negli Stati Uniti sudorientali, le foreste delle zone umide forniscono servizi ecosistemici per un totale di $ 500 miliardi, secondo un rapporto del gruppo di controllo ambientale Dogwood Alliance del 2018. Tuttavia, anche nel loro stato di “svuotamento“, forniscono servizi importantissimi. Questi ecosistemi altamente biodiversi sono tra i più ricchi di carbonio del paese e fungono da cuscinetto contro i cambiamenti climatici, inoltre, beneficiano della salute e del benessere delle comunità locali, filtrano l’aria e l’acqua e, non ultimo, forniscono valore estetico e ricreativo.

Ma le organizzazioni di conservazione come Dogwood Alliance affermano che, nonostante la loro importanza ecologica, le foreste delle zone umide degli Stati Uniti sono attualmente prosciugate, bruciate e trasportate attraverso l’Atlantico e convertite in piantagioni di pino monoculturale, tutto nel nome dell’energia rinnovabile.

Nel 2009, la direttiva UE sulle energie rinnovabili (RED) è stata istituita per incoraggiare gli Stati membri dell’Unione europea a soddisfare almeno il 20% del proprio fabbisogno energetico con fonti rinnovabili entro il 2020. La combustione di legna per combustibile come “biomassa legnosa” è attualmente considerata una fonte di energia rinnovabile a zero emissioni di CO2 sotto RED, così come RED II, che entrerà in vigore dopo il 2020.

Idealmente, i pellet di legno bruciati per l’energia da biomassa verrebbero da “rifiuti di legno” sotto forma di residui di legname di alberi caduti. Dal momento che tali residui rilasciarebbero carbonio nell’atmosfera mentre si è pensato che possano essere convertiti in energia.

Tuttavia, in pratica, i pellet di legno provengono spesso da alberi interi per soddisfare la domanda elevata, in questo caso, i nuovi alberi possono essere immediatamente piantati per sostituire quelli che vengono tagliati e bruciati. Questi alberi, in teoria, prenderebbero il carbonio rilasciato bruciando nuovamente le biomasse dall’atmosfera mentre crescono, rendendo l’energia rinnovabile e neutra rispetto al carbonio.

Questo ragionamento può essere pericoloso, secondo gli esperti che sottolineano che il carbonio viene rimosso dall’atmosfera molto più lentamente di quanto non sia stato rilasciato. La ricerca indica che ci vogliono almeno dai 10 ai 20 anni dal punto del “ripiantamento” per una foresta per tornare a comportarsi come fonte di carbonio e fino a 100 anni per “ri-catturare” il carbonio rilasciato dalla combustione dei vecchi alberi.

Le piantagioni di pino del sud, tipicamente raccolte a circa 25 anni, potevano essere considerate neutrali dal punto di vista del carbonio nell’arco di 25-40 anni se ci assicurassimo che fossero reimpiantate” lo rivela William Schlesinger, un biogeochimico e presidente in pensione del Cary Institute of Ecosystem Studies, confermando “Se vuoi considerare l’impatto netto della biomassa legnosa sulla CO2 atmosferica su intervalli più brevi (diciamo 10 anni), allora non lo sono.”

Infatti, poiché la ricerca mostra che i pellet di legno rilasciano più anidride carbonica rispetto al carbone per megawatt di elettricità prodotta, i critici del settore temono che incentivare questa fonte di energia potrebbe effettivamente accelerare il cambiamento climatico che già è in stadio avanzato. Gli esperti sostengono che l’energia da biomassa agisce in modo efficace come una scappatoia per i paesi facendo sottovalutare le loro emissioni di carbonio e fornendo così falsi dati per raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi.

L’UE, in generale, è positiva quando si parla di cambiamenti climatici“, ha dichiarato Alex Mason, responsabile delle politiche delle energie rinnovabili presso l’ufficio di politica europea del World Wildlife Fund. “Ma il suo tallone d’Achille è l’approccio alla bioenergia, che è guidato in larga misura dalle potenti lobby dell’industria, dell’agricoltura e da stati membri progressivamente ambientalisti come la Finlandia e la Svezia e che rischia seriamente di minare il progresso dell’UE in altre aree“.

Negli ultimi anni, sette milioni di tonnellate di pellet di legno sono stati spediti dal sud-est degli Stati Uniti all’UE, ma i funzionari dell’UE hanno minimizzato la minaccia. Secondo Nicole Bockstaller, addetta stampa per l’energia e l’azione per il clima presso la Commissione europea, i pellet di legno del Nord America sono progettati per “aumentare in termini assoluti in futuro“, ma “continueranno a svolgere un ruolo relativamente minore” e comprenderanno tra 5 e Il 10% della biomassa utilizzata per la produzione di calore ed elettricità nell’UE. La maggior parte, afferma Bockstaller, proviene da fattorie e foreste dell’UE.

L’energia da biomassa come il legno “può essere una parte importante del mix energetico, che consentirà all’UE e ai suoi stati membri di raggiungere, in modo economicamente vantaggioso, i suoi obiettivi energetici e climatici del 2020 e del 2030“, ha detto Bockstaller che ha proseguito “Attraverso la proposta di regolamento sulla governance dell’Unione energetica, l’Unione europea e i suoi Stati membri monitoreranno regolarmente la disponibilità di biomassa sostenibile per l’uso di energia, i suoi impatti sulla sostenibilità, comprese le interazioni tra energia e settori non energetici che utilizzano la biomassa“.

Nonostante le proteste della comunità scientifica , gli Stati Uniti hanno seguito di recente l’esempio dell’UE. Stati come New Hampshire e Rhode Island stanno approvando le richieste che incentivano l’energia da biomassa e Scott Pruitt, amministratore dell’Agenzia per la protezione ambientale, ha recentemente annunciato che l’ energia da biomassa sarà ora considerata neutrale dal punto di vista del carbonio ai fini della comunicazione delle emissioni.

fonte@psmag.com