Dl Rilancio estende fino ad agosto il congedo parentale

PutSolarOn

Se è sempre stato difficile fare i genitori, in questa prima parte del 2020 lo è stato ancora di più: scuole, asili, baby parking hanno chiuso a partire da marzo e i bambini sono stati affidati alle cure esclusive dei genitori.

Genitori che però in molti casi hanno dovuto continuare a lavorare, o comunque hanno ripresa già da settimane.

Difficile, se non impossibile, organizzarsi, ma il governo ha previsto varie misure di sostegno alle famiglie, tra cui il bonus babysitter ed ora anche l’estensione del congedo parentale.

Nello specifico, è esteso dal 31 luglio al 31 agosto il periodo (che parte dal 5 marzo) per il quale i genitori di bambini fino a 12 anni che siano dipendenti di ditte private possono chiedere un congedo fino a 30 giorni (a testa) al 50% della retribuzione. 

Con il nuovo emendamento appena approvato i giorni restano i medesimi, solo il tempo viene prolungato di un mese dal 31 luglio al 31 agosto: molti genitori che non hanno quindi utilizzato ancora il congedo parentale COVID-19 possono approfittarne e farne richiesta. La misura spetta a lavoratori pubblici, privati e autonomi, ed è incompatibile con il bonus baby sitter. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Condono edilizio, di cosa si tratta?

Non dovrebbe capitare, ma purtroppo capita, per colpa o per dolo, di eseguire lavori senza i giusti permessi e questo comporta delle sanzioni di varia gravità. Nei casi più gravi, infatti, si può andare incontro anche alla distruzione a all’abbattimento d quanto costruito in modo irregolare. Ma ci sono delle […]
Condono edilizio di cosa si tratta