Il rover giapponese atterra sull’asteroide Ryugu
Il rover giapponese atterra su asteroide Ryugu

La giapponese Hayabusa2 fa sbarcare due rover sull’asteroide Ryugu

L’ombra della nave spaziale giapponese Hayabusa2 è proiettata sulla superficie dell’asteroide di tipo C denominato Ryugu durante un iniziale approccio a distanza ravvicinata. 

Il veicolo spaziale giapponese di ritorno dell’asteroide Hayabusa2 è sceso a circa 180 piedi dal bersaglio lo scorso 21 settembre e ha lanciato due piccoli lander sulla superficie che hanno subito iniziato a “saltellare” sull’asteroide, utilizzando telecamere di bordo e altri sensori per effettuare osservazioni a distanza ravvicinata.

I controllori di volo giapponesi hanno confermato gli atterraggi riusciti dei lander MINERVA II-1 di Hayabusa2 e hanno pubblicato le foto iniziali dal Rover-1A e 1B. Le immagini, sfocate a causa del movimento dei lander, rivelarono una superficie scura.

 

Anche se sono rimasto deluso dall’immagine sfocata arrivata come prima dal rover, è stato bello poter catturare questo scatto così come è stato registrato dal rover“, ha detto Tetsuo Yoshimitsu, uno dei program manager di Hayabusa2 pubblicando il commento in più lingue sulla pagina web del progetto.

Inoltre, con l’immagine scattata durante il salto sulla superficie dell’asteroide, sono stato in grado di confermare l’efficacia di questo meccanismo di movimento sul piccolo corpo celeste e vedere il risultato di molti anni di ricerca“.

L’asteroide vicino alla Terra di tipo carbonaceo, scoperto nel 1999, ha un diametro di circa 900 metri (3.000 piedi). Hayabusa2 ha raggiunto l’asteroide ed iniziato le osservazioni a distanza ravvicinata verso la fine di giugno, circa quattro anni dopo il lancio nel dicembre 2014. Le immagini della navicella rivelarono un aspetto insolito con facciate rocciose, spigolosamente angolari che conferivano una forma un po ‘cristallina.

I lander MINERVA II-1 furono i primi di quattro a essere rilasciati da Hayabusa2. Entrambi sono veicoli spaziali a forma di tamburo del peso di 1,1 chilogrammi, ciascuno progettato per saltare a breve distanza nella debole gravità di Ryugu usando masse rotanti interne. Ogni lander include due fotocamere e sensori di temperatura. Un terzo lander, noto come Rover-2, sarà schierato in ottobre insieme ad un quarto che prenderà il nome di MASCOT, previsto per il prossimo anno.

La missione Hayabusa2 ha due obiettivi principali: imparare di più sulla composizione e l’evoluzione degli asteroidi carboniosi primitivi e testare nuove tecnologie per ottenere campioni da corpi spaziali profondi e riportarli sulla Terra per analisi di laboratorio dettagliate.

Se tutto andrà bene, il veicolo spaziale cercherà di raccogliere materiale sotto la superficie rilasciando un penetratore esplosivo per far saltare un piccolo cratere. Hayabusa2 poi entrerà nella depressione per raccogliere materiale incontaminato non influenzato dalla radiazione solare e da altri fattori “atmosferici” . I campioni saranno restituiti alla Terra alla fine del 2020.

Tratto da AstronomyNow

You May Also Like

Geminidi, nel cielo lo spettacolo dello sciame meteorico

Lo sciame meteorico delle Geminidi è visibile proprio in questi giorni: l’ennesimo…

Cimice asiatica: come difendersi e sigillare la propria casa

Il tempo più mite è stato bello per tutti, ma quello che…

Decreto Rinnovabili, fotovoltaico al posto dell’amianto: le agevolazioni

Nel Decreto Rinnovabili, agevolazioni per il fotovoltaico se si sostituisce l’amianto con…