Google dedica il doodle a Stephen Hawking

PutSolarOn

Il Google Doodle di oggi rende omaggio a una delle menti scientifiche più importanti della storia, il cosmologo, autore e fisico teorico inglese Stephen Hawking. Le sue teorie sull’origine e la meccanica dell’universo hanno rivoluzionato la fisica moderna.

È nato come è oggi a Oxford, essendo una delle menti scientifiche più importanti della storia.

Era un fisico teorico britannico, cosmologo, autore e direttore della ricerca presso il Center for Theoretical Cosmology dell’Università di Cambridge. Nonostante non sia riuscito a vincere il Nobel, è stato insignito di molti altri importanti riconoscimenti (Albert Einstein, Wolf, Copley, ecc.).

Dalla collisione dei buchi neri al Big Bang, le sue teorie sull’origine e la meccanica dell’universo hanno rivoluzionato la fisica moderna e i suoi libri più venduti hanno reso il campo ampiamente accessibile a milioni di lettori in tutto il mondo.

All’età di 21 anni gli sono stati diagnosticati i sintomi della Sclerosi Laterale Amiotrofica. A quel tempo i medici gli dissero che aveva circa uno o due anni, ma riuscì a convivere con la volontà che possiede nonostante la depressione iniziale, dimostrando che niente è più forte della volontà della mente.

La tracheotomia gli ha fatto perdere la voce all’età di 45 anni, quindi ha sintetizzato i suoi pensieri e li ha trasformati in parole attraverso uno speciale computer di tracciamento oculare.

Nel 1965 Hawking ha difeso la sua tesi di dottorato all’Università di Cambridge, “Properties of Expanding Universes“, che ha introdotto la teoria rivoluzionaria secondo cui lo spazio e il tempo provengono da una particolarità, un punto infinitamente piccolo e denso, noto oggi come la chiave caratteristica. di buchi neri.

Quell’anno, Hawking fu accettato come ricercatore al Cambridge Gonville e al Caius College, la sua casa accademica per una vita di ricerca. L’ossessione di Hawking per i buchi neri portò alla sua scoperta nel 1974 che le particelle potevano sfuggire ai buchi neri.

Questa teoria, che ha ideato la radiazione di Hawking, è ampiamente considerata il suo contributo più importante alla fisica.

Nel 1979, il lavoro pionieristico di Hawking sui buchi neri ha spinto Cambridge a nominarlo Professore Onorario di Matematica, posizione ricoperta da Isaac Newton nel 1669. La tesi di dottorato di Hawking è stata resa disponibile al pubblico nel 2017 su un sito web dell’Università dell’Ohio, che è crollato a causa di la sua enorme ubiquità, secondo un post di Google.

Morì il 14 marzo 2018 per complicazioni della sclerosi amiotrofica di cui soffriva per 52 anni.

Il film “The Theory of Everything” nel 2014 sulla sua vita, con il meraviglioso Eddie Redman nel ruolo di protagonista a vincere l’Oscar come miglior attore, ha fatto conoscere il cosmologo britannico. Lui stesso ha apprezzato il film e ha detto di Redman “a volte pensavo di essere io”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Gli scienziati assistono per la prima volta alla morte di una gigante rossa

Gli astronomi americani hanno osservato per la prima volta in tempo reale la drammatica fine esplosiva della vita di una stella gigante rossa, registrandone l’autodistruzione e l’eventuale morte, poco prima che collassasse gravitazionalmente e creasse una supernova di tipo II. Gli scienziati sono stati in grado di osservare la stella […]
Exit mobile version