I sintomi del Covid lungo sono principalmente psicologici

PutSolarOn

Il numero di persone colpite da quello che viene definito “Covid lungo” è davvero molto alto, in base alle stime dell’OMS.

Gli autori di uno studio pubblicato sul Journal of the American Medical Association ,sottolineano che “i sintomi fisici persistenti dopo l’infezione da COVID-19 non dovrebbero essere automaticamente attribuiti a SARS-CoV-2″ e raccomandano potrebbe essere necessaria una valutazione medica completa per evitare di attribuire erroneamente i sintomi del virus“.

Lo studio ha coinvolto quasi 27.000 persone, che hanno ricevuto un questionario da compilare a margine dell’esecuzione di un test sierologico.

È stato chiesto loro se pensavano di essere stati contagiati dal virus e se hanno risposto di sì se un test lo avesse confermato. Un’altra sezione di domande si è poi focalizzata sui sintomi avvertiti a lungo termine, che si tratti di dolori muscolari, affaticamento o addirittura problemi di concentrazione.

Gli autori hanno evidenziato un notevole legame statistico tra il pensare di aver contratto il virus e la segnalazione di sintomi duraturi dopo diversi mesi.

I sintomi del Covid lungo sono principalmente psicologici

Allo stesso tempo, non hanno isolato un forte legame tra avere una sierologia positiva e la manifestazione di sintomi a lungo termine. Con un’eccezione: perdita del gusto e dell’olfatto.

Senza negare l’esistenza del Covid lungo, i ricercatori vogliono mettere in guardia dai sintomi che si tenderebbe naturalmente a considerare come conseguenza di un Covid lungo, pur suggerendo che gran parte di essi potrebbe in realtà essere in parte somatizzato.

Tra i punti salienti c’è il fatto che i test sierologici vengono utilizzati come marker di una precedente infezione. Il team di ricercatori “non tiene conto del fatto ora ammesso che alcuni soggetti che hanno avuto un Covid accertato non sviluppano anticorpi, o li perdono molto velocemente” spiegano.

Altri specialisti, chiamati a reagire a questa pubblicazione, hanno espresso significative riserve. Sottolineando i limiti di uno studio osservazionale (e non randomizzato), hanno anche notato che i pazienti intervistati provenivano dalla stessa coorte.

Uno studio Inserm, tuttora in corso, ha dimostrato che “il 60% dei pazienti è ancora affetto da almeno un sintomo sei mesi dopo l’infezione e un quarto di essi da tre o più sintomi“.

Inoltre, “il 2% dei pazienti ha dovuto essere ricoverato di nuovo” . Le equipe dell’istituto hanno sottolineato che: “sembra emergere anche una correlazione tra la gravità iniziale della malattia e la persistenza a lungo termine dei sintomi“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

E' pericoloso lasciare il cellulare in carica?

Da tempo si è ripetutamente riportato di casi in cui non è possibile lasciare i caricabatterie nella presa per rischi di corto circuiti o incendi, ma è davvero così pericoloso? La maggior parte delle persone scollega l’apparecchio per evitare un incendio. L’incendio potrebbe essere dovuto a una presa difettosa nella […]
pericoloso lasciare il cellulare in carica