Ecco perchè Urano è così inclinato

PutSolarOn

Gli scienziati hanno scoperto che Urano potrebbe essere entrato in collisione con un oggetto grande quasi il doppio della Terra, questo sarebbe il motivo della sua inclinazione.

Una nuova ricerca che esamina il motivo per cui lo strano pianeta si inclina, guidata da Jacob Kegres, un ricercatore di dottorato presso la Durham University, mostra che il settimo pianeta dal sole potrebbe essersi scontrato con un oggetto fatto di roccia o ghiaccio circa quattro miliardi di anni fa.

Urano in realtà ruota attorno al sole su un lato, il che significa che il suo asse di rotazione è inclinato di lato, poiché i suoi poli nord e sud si trovano dove si trova l’equatore per la maggior parte dei pianeti.

Urano completa una rivoluzione attorno al sole ogni 84 anni terrestri e l’inclinazione assiale del pianeta è di 97,77 gradi, quindi l’asse di rotazione è parallelo al piano del sistema solare.

Scienziati della Durham University, scrivendo sull’Astrophysical Journal, hanno utilizzato 50 diversi scenari di impatto per fare la scoperta, il che suggerisce che Urano si sia schiantato contro un enorme corpo roccioso e lo abbia girato in modo distorto.

Gli scienziati hanno anche scoperto che da allora i detriti dell’impatto sono serviti come scudo termico per il pianeta, intrappolando il calore dalla superficie esterna del pianeta e conferendogli un guscio esterno insolitamente freddo.

Urano ruota su un lato e il suo asse punta approssimativamente ad angolo retto rispetto a tutti gli altri pianeti del sistema solare“, ha detto Kejris. “Questo è stato quasi certamente dovuto a un impatto gigantesco, ma sappiamo molto poco su come questo in realtà è successo, e come un tale evento ha colpito i più violenti del pianeta“.

E ha continuato: “I nostri risultati confermano che l’esito più probabile è che Urano, quando era giovane (in termini di età) ha subito una catastrofica collisione con un oggetto di massa doppia, se non maggiore, della Terra, che ha portato alla sua collisione. accanto ad essa e l’inizio degli eventi che hanno contribuito alla formazione del pianeta che vediamo oggi“.

E all’inizio di quest’anno, utilizzando un supercomputer, Kejris e il suo team hanno scoperto che effetti come questo potrebbero avere una “ampia gamma di conseguenze” per i pianeti minori e le loro atmosfere.

Lo studio ha scoperto che impatti più piccoli comporterebbe una perdita atmosferica molto inferiore da una collisione diretta.

L’inclinazione di Urano conferisce al pianeta stagioni davvero uniche, e uno dei poli di Urano è rivolto permanentemente al sole, mentre l’altro polo è oscurato da esso, e una stretta striscia rimane vicino all’equatore che testimonia l’alternanza di notte e giorno.

È interessante notare che la collisione potrebbe aver avuto un ruolo nella formazione degli anelli e delle lune del pianeta e potrebbe anche influenzare le orbite delle lune esistenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Inglese per bambini: consigli per la scelta del corso migliore

L’infanzia è il momento ideale e più proficuo per insegnare l’inglese ai bambini. Fino ai 6-7 anni di età, la mente dei bimbi ha un’innata predisposizione all’apprendimento delle lingue in maniera naturale, senza particolari sforzi o difficoltà.  Le lingue straniere si possono imparare a qualsiasi età, certo, ma è innegabile che, […]
Exit mobile version