Pannelli solari portatili, come funzionano

PutSolarOn

I pannelli solari sono la rivoluzione energetica dei nostri tempi: consentono di ottenere energia a basso costo, anche per l’ambiente. Sempre più persone decidono di installare impianti solari domestici (o anche industriali) per ottenere energia, riscaldamento, illuminazione. 

Ma non ci sono solo i grandi investimenti per i pannelli solari domestici: c’è anche l’opzione ‘mini’, che è possibile portare con sé dove si vuole e che consentono di ottenere energia in ogni situazione. Stiamo parlando dei pannelli solari portatili.

I pannelli solari portatili sono dei piccoli pannelli, di dimensione ridotta e compatta -appunto, portatili- che possono essere portati con sé in ogni dove: sul camper, sulle barche, in campeggio, e via dicendo. Lo scopo di questi oggetti è quello di consentire di creare dei piccoli impianti per ottenere energia e luce dal sole ovunque ci si trovi, non solo a casa, ma in vacanza o durante una gita fuori porta. Lo scopo di questo prodotto è quello di permettere di abbattere i costi dell’energia anche fuori casa, di risparmiare i consumi, in maniera pratica e maneggevole, con un risparmio economico ma anche dal punto di vista ambientale. 

I pannelli solari portatili si adattano ad ogni soluzione, dal punto di vista del design: sono compatti, semplici e discreti. In genere sono composti da due parti: uno il pannello esterno, e l’altro il gruppo di potenza interno. I pannelli solari portatili non richiedono grandi sforzi per l’installazione e quindi sono pratici e molto comodi. 

In genere il gruppo interno consente di dispensare corrente fino a 220 Volt. L’accumulatore serve ‘immagazzinare’ energia e per permettere così di riservare un po’ di energia e luce anche per quando il sole non c’è, come di notte. 

Esistono diversi modelli di questo pannello: quello da campeggio, che in genere ha una potenza di picco di 300 Watt; quello portatile che serve per la carica di piccoli dispositivi, come cellulare e macchina fotografica; addirittura potete anche trovare in commercio borse e zaini fotovoltaici. 

Si tratta di uno strumento molto utile per ricaricare smartphone e altri prodotti tecnologici in ogni dove, sfruttando semplicemente l’energia pulita del sole. I pannelli solari portatili producono minori emissioni di CO2 rispetto ad altre forme di energia, e permette così di caricare notebook, smartphone, macchine fotografiche, cellulari, lettori MP3 e tantissimi altri strumenti tecnologici ovunque vi troviate, in qualsiasi momento, anche di notte grazie all’immagazzinamento dell’energia solare. 

I pannelli solari portatili sono presenti in formati diversi e con potenza diversa, per adattarsi alle necessità di ciascuno. 

Teniamo conto che con pannelli fino a 6 Watt di potenza è possibile, ad esempio, ricaricare smartphone e fotocamere. Con invece pannelli solari portatili fino a 10 o 15 Watt è possibile cercare videocamere e GPS. Infine, per un pc, serve per la carica un pannello da almeno 40 Watt. 

I costi dei pannelli solari portatili sono ora come ora contenuti, dato che si tratta di prodotti sempre più usati e sempre più diffusi; sono reperibili di solito in negozi forniti per il campeggio e su Internet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Eolico Italia tra eccellenze nazionali e contesto di ritardi cronici

Il cronico ritardo dell’energia eolica italiana è ben documentata dagli ultimi dati a disposizione, che attestano come – contrariamente a quanto è avvenuto in altri comparti, come quello fotovoltaico – l’industria eolica sia costantemente in affanno. E il tutto, nonostante le evidenti eccellenze nazionali che arricchiscono e impreziosiscono il panorama delle eco-energie tricolori. Ma andiamo con ordine. […]
Exit mobile version