Home / Guide / Pannelli solari termici dove installare e cosa sono

Pannelli solari termici dove installare e cosa sono

Dove installare i pannelli solari termici? Sul tetto di casa, nel giardino, in campagna, sulle tettoie dei parcheggi e persino sulle auto: ovunque basta che ci sia una buona irradiazione solare per più ore possibili.

 

pannelli solari termici dove installare

Rinnovabili, l’energia del futuro

Le energie rinnovabili stanno prendendo sempre più piede. Nonostante Trump e la sua voglia deleteria di ritorno alle inquinanti energie tradizionali come gli idrocarburi e simili, il mondo progredisce velocemente. Se è vero quello che afferma Albert Einstein, vale a dire E=MC2, la massa, ogni tipo di massa potenzialmente produce energia, quindi c’è da studiare molto, ma alla fine si spera che gli idrocarburi spariranno dalla faccia della Terra. E che rimangano, se ce ne resteranno, nel sottosuolo del pianeta, dove possono inquinare quanto vogliono.

Per cui è saggio e produttivo, sia da un punto di vista ambientalistico che economico, cominciare tutti a utilizzare le fonti di energia alternative, come ad esempio il fotovoltaico, vale a dire l’energia elettrica prodotta dalla luce, in grandissima parte dalla luce del Sole, la nostra stella di riferimento.

 

Dove installare i pannelli solari

I moduli fotovoltaici possono essere installati pressoché dappertutto, posto che ormai da anni non ne esistono solo più di tradizionali incorniciati nello chassis di alluminio, ma ne esistono davvero di tutti i tipi. Intanto le dimensioni possono essere le più diverse, da pochi centimetri quadrati e diversi metri quadrati. Varia però spesso anche la tipologia dell’elemento da fissare. Ce ne sono anche di non rigidi, di flessibili, che meglio si adattano ad alcune superfici. Normalmente questi moduli sono meno efficienti di quelli tradizionali, ma sono molto più versatili, adattabili a una serie di superfici diverse.

Addirittura esistono anche vernici fotosensibili che raccolgono l’energia luminosa, o elementi traslucidi che in parte fanno passare la luce, in parte convertono l’energia luminosa stessa in energia elettrica. L’esempio può essere quello di un grattacielo e di un palazzo destinato a uffici, che si avvale di questa tecnologia.

 

Il tetto fotovoltaico

Nei casi più tradizionali, dove vengono invece installati i pannelli solari? Ovviamente sui tetti, anche se non esclusivamente. Possiamo installarli, con le dovute precauzioni, anche di carattere normativo-urbanistico, pure in un giardino, ma sarebbe un’occupazione di spazio inutile se abbiamo a disposizione, ad esempio, un tetto a falde. La prima cosa da appurare, in tutti questi casi, è l’esposizione alla luce del sole. Il rendimento del sistema è direttamente proporzionale alla quantità di luce che si riesce a raccogliere sugli elementi fotosensibili.

Se il tetto è esposto completamente a nord, il gioco non vale la candela. Se riusciamo invece a utilizzare una falda che dà verso sud, cioè il punto di massima esposizione ai raggi solari, il rendimento è assicurato, sempre che ovviamente l’impianto sia stato realizzato a regola d’arte. Il secondo elemento da considerare è l’inclinazione. Nel caso in cui abbiamo un tetto piano, magari una terrazza, bisognerà inclinare i pannelli con una particolare intelaiatura, che renderà il tutto leggermente più costoso. Ovviamente, ciò renderà tutto anche più antiestetico.

Se il tetto è a falda, già inclinata, potremo sfruttare l’inclinazione già esistente, sostanzialmente poggiando i pannelli sul tetto stesso e fissandoli sui coppi con agganci particolari che variano a seconda della tipologia delle tegole. Ma alla fine avremo un effetto estetico più che accettabile: dall’esterno l’impatto visivo sarà decisamente minimale.

 

Impianto fotovoltaico a scomparsa

E ancora, esistono pannelli che vengono con particolari tecniche inglobati sul tetto, come ne fossero parte integrante. In questi casi, bisognerà intervenire direttamente in fase di realizzazione dell’abitazione. Così come esistono dei coppi che sono realizzati con elementi fotosensibili già montati sulla loro superficie. In questi casi, l’impianto fotovoltaico è sostanzialmente a scomparsa: nella sua parte esterna esposta alla luce del sole, praticamente non si nota.

In questo modo realizzeremo una perfetta sintesi fra guadagno, estetica e rispetto dell’ambiente, essendo un impianto a energia rinnovabile. Saremo così in grado di costruirci un impianto per accumulare energia elettrica e utilizzarla in caso di bisogno, oppure di utilizzare il sistema dello scambio gol gestore dell’energia per risparmiare anche in maniera consistente sulla bolletta di casa.

About Author: